BIGtheme.net http://bigtheme.net/ecommerce/opencart OpenCart Templates
Home » Anti-Imperialist Front » Rivista Yürüyüş: intervista con il movimento 23 settembre

Rivista Yürüyüş: intervista con il movimento 23 settembre

Una riunione del Fronte Anti Imperialista ha avuto luogo a Berlino, Germania, il 23-24 febbraio. Abbiamo parlato con Stefan Petrov del Movimento bulgaro 23 settembre che ha partecipato all’incontro.

Yürüyüş – Ciao Stefan, vogliamo parlare con voi dell’incontro del Fronte anti Imperialista. Lei è stato uno di quelli che ha partecipato il 23-24 febbraio. Potrebbe darci qualche informazione al riguardo?

Stefan Petrov – L’incontro del Fronte anti Imperialista ha avuto luogo a Berlino. All’incontro hanno partecipato diversi rappresentanti di organizzazioni di diversi paesi. L’incontro ha visto un intenso dibattito sulle questioni internazionali di attualità e su come resistere all’imperialismo a livello internazionale. I partecipanti hanno condiviso le loro osservazioni e opinioni sulla lotta contro l’aggressione imperialista in diversi paesi. Per migliorare il lavoro del Fronte anti Imperialista, abbiamo discusso la questione dell’organizzazione e abbiamo parlato di migliorare la nostra comunicazione e le nostre relazioni.

Yürüyüş – Lei rappresentava il Movimento 23 settembre. Potrebbe descriverci brevemente la sua organizzazione?

Stefan P. – Il Movimento 23 settembre è un’organizzazione Marxista-Leninista. Stiamo lavorando per sviluppare e diffondere l’ideologia comunista in Bulgaria e per innalzare la bandiera della lotta contro l’imperialismo nel nostro paese. Negli ultimi anni abbiamo organizzato o partecipato a varie azioni e attività contro l’aggressione in Iraq, Siria, Venezuela e Donbass contro il genocidio israeliano sui palestinesi, contro l’isolamento e le sanzioni imposte a Cuba e alla Repubblica Democratica Popolare di Corea. L’estate scorsa abbiamo organizzato con gli amici di Grup Yorum un concerto per “La libertà di Grup Yorum” in Bulgaria. Dopo la restaurazione del capitalismo in Bulgaria, stiamo cercando di creare quadri che formeranno una grande organizzazione rivoluzionaria che affronterà la lotta per un ordine socio-economico più giusto. Un’altra priorità della nostra organizzazione è lo sviluppo di attività teoriche e ideologiche. Per esempio, stiamo affrontando le cause della sconfitta del socialismo nel nostro paese.

Yürüyüş – Come giudica la vostra organizzazione il Fronte anti Imperialista?

Stefan P. – Dalla creazione del Fronte Anti Imperialista ad oggi, la nostra organizzazione ne fa parte. Per noi, la creazione di un’organizzazione internazionale che resisterà all’aggressione imperialista è di grande importanza. Vogliamo partecipare attivamente alla lotta contro l’imperialismo e crediamo che questo si svilupperà solo sulla base della solidarietà internazionale. Per questo continueremo a partecipare attivamente allo sviluppo della lotta anti imperialista in Bulgaria e parteciperemo attivamente allo sviluppo e alle attività del Fronte Anti Imperialista.

Yürüyüş – Oltre alle discussioni durante l’incontro, quali altre attività ci sono state?

Stefan P. – Nonostante l’intensità del programma della riunione del Fronte Anti Imperialista, come partecipanti, abbiamo avuto l’opportunità di visitare luoghi interessanti di Berlino. Indubbiamente ci ha colpito il parco dei monumenti dell’esercito sovietico, che ci ha salvato soprattutto dall’oppressione del fascismo hitleriano. Le dimensioni e la bellezza di questo luogo affascina tutti. Ciò che ha attirato la nostra attenzione è che l’intero complesso è conservato e mantenuto. Il monumento all’esercito sovietico in Bulgaria è spesso oggetto di atti di vandalismo da parte degli anticomunisti. Abbiamo avuto inoltre la possibilità di vedere il monumento di Marx ed Engels a Berlino. Siamo stati anche in grado di scattare foto sotto l’occhio vigile della polizia locale, che ha mostrato particolare interesse per noi.

Yürüyüş – Quali decisioni sono state prese sul futuro?

Stefan P. – Nel corso dell’incontro abbiamo affrontato molti temi di attualità internazionale. Come tutti i partecipanti, abbiamo condannato l’aggressione contro il presidente Maduro e il suo governo in Venezuela. I compagni turchi e ucraini hanno condiviso le informazioni sull’applicazione del fascismo nel loro paese, hanno parlato della loro lotta. Abbiamo parlato della situazione nel Vicino Oriente.

Durante l’incontro, abbiamo deciso di organizzare campagne per i partecipanti dell’AIF in occasione del 70° anniversario dell’istituzione della NATO nei propri paesi. Abbiamo appurato che la presenza di basi militari statunitensi e della NATO nei nostri paesi è un problema attuale. Abbiamo preso decisioni sulle dimostrazioni di solidarietà rivoluzionaria con gli avvocati turchi che si trovano in carcere e in stato di isolamento e con Musa Aşoğlu. Mentre eravamo a Berlino abbiamo organizzato un’azione di solidarietà per la rivoluzionaria Ayten Öztürk, che è stata rapita e torturata per sei mesi dalla contro-guerriglia che l’ha rapita in Libano e portata in Turchia – protestando davanti al consolato libanese.

Abbiamo deciso di pubblicare una rivista a scadenza regolare sui compiti principali dell’AIF. La nostra rivista conterrà un’analisi delle questioni di attualità nel quadro della lotta anti-imperialista.

Yürüyüş – Grazie per averci dedicato del tempo. Avete un messaggio per i nostri lettori?

Stefan P. – Ai lettori di Yürüyüş auguro un futuro migliore. Perché so che ci sarà. So che la vostra rivista negli ultimi anni ha subito una terribile oppressione da parte dello Stato e nonostante questo, la vostra rivista riesce a mantenersi in vita e illumina i lettori con lil faro della verità. Yürüyüş è la bandiera della rettitudine che nessun divieto può fermare.



Check Also

Fronte Anti-Imperialista: uniamoci ancora una volta nella lotta antifascista

In questo giorno, 74 anni fa, è stata sconfitta la dittatura terroristica più imperialistica, più ...