BIGtheme.net http://bigtheme.net/ecommerce/opencart OpenCart Templates
Home » Anti-Imperialist Front » Prospettiva anti-imperialista sull’insurrezione catalana

Prospettiva anti-imperialista sull’insurrezione catalana

Antefatti

L’insurrezione in Catalogna è più complessa delle recenti rivolte a cui stiamo assistendo nelle neocolonie, dove l’obiettivo è quello di avere una “rivoluzione colorata” per contrastare la determinazione del governo locale a resistere alle politiche imperialiste, o dove le contraddizioni delle politiche imperialiste sotto forma di neoliberalismo hanno fatto sì che il popolo si sia arenato nella miseria. La complessità della rivolta catalana deriva dal fatto che si sta svolgendo nella regione più ricca di un paese imperialista, la Spagna, essendo a sua volta uno dei primi membri di una struttura imperialista internazionale conosciuta come Unione Europea.

La Spagna è una monarchia che ha ereditato le sue infrastrutture statali dallo Stato fascista franchista nella loro totalità: l’apparato repressivo, l’esercito e il sistema giuridico. La cosiddetta “transizione” verso la democrazia ha garantito l’immunità del fascismo e si è svolta sotto la tutela degli Stati Uniti che hanno fatto in modo che la nuova Spagna “democratica” rimanga il suo partner strategico. L’unica cosa che la transizione ha portato con sé è stata una trasformazione sotto forma di costituzione e di parlamento. La sua fedeltà al progetto imperialista è rimasta immutata, così come la sua reputazione per il suo retaggio fascista.

La Catalogna è la regione più ricca della Spagna che contribuisce per circa il 19% del PIL spagnolo (2017) ed è considerata uno dei “quattro motori dell’Europa” – gli altri tre sono il Rodano-Alpi in Francia, il Baden-Wurttemburg in Germania e la Lombardia in Italia. Dal punto di vista etnico, i catalani hanno una propria identità nazionale, una cultura e una lingua diversa dal resto della Spagna.

La spinta principale per l’indipendenza viene dalla borghesia catalana, poiché l’investimento del governo centrale spagnolo non corrisponde al contributo della Catalogna al bilancio. In altre parole, la Catalogna riceve meno soldi dallo Stato spagnolo rispetto a quanto contribuiscano.

Dal punto di vista di classe, in realtà non esiste un’unità tra il popolo catalano e quello spagnolo. Le organizzazioni rivoluzionarie e progressiste sono marginali piuttosto che una forza oggettiva in entrambe le società, mentre le opzioni politiche tradizionali di entrambe le parti sono fortemente e inconciliabilmente divise dal loro nazionalismo. Detto questo, la classe alla base della rivolta catalana e della spinta all’indipendenza è la borghesia sotto la guida di forze reazionarie.

Il carattere reazionario della sua leadership è evidente dalla mancanza di richieste di rottura con il capitalismo e di uscita dalle strutture politiche e militari imperialiste (UE, NATO, ecc.). Infatti, lo scopo di questo movimento non è quello di indebolire il sistema imperialista, ma di migliorare la propria posizione al suo interno. In altre parole, la borghesia catalana cerca di lasciare la Spagna per rimuovere gli ostacoli all’accumulazione di capitale. Tale obiettivo, logicamente, implica il rafforzamento dell’ordine esistente.

La risposta della Spagna alle richieste del popolo catalano è stata degna di Franco. Lo Stato spagnolo ha risposto con brutale repressione e violenza contro i manifestanti e pene detentive sproporzionate per gli organizzatori del referendum. L’intero establishment politico spagnolo, dall’estrema destra alla sinistra parlamentare, ha denunciato il referendum e la reazione del popolo catalano che ne è seguito, esprimendo solidarietà con le forze repressive dello Stato come se fossero quelle che ricevono i proiettili di gomma, i manganelli e i gas lacrimogeni. Chiaramente, la Spagna non è coerente quando si tratta di realizzare la democrazia che si aspetta da altri paesi nei loro affari interni.

Prospettive

Gli obiettivi del movimento nazionalista catalano sono una cosa, e i possibili risultati sono una questione completamente diversa che non dipende dalla volontà e dai desideri del popolo catalano.

Il mercato principale della Catalogna è la Spagna (il 20% delle imprese catalane esporta). Il suo principale mercato di esportazione è l’UE, oltre che la principale fonte di importazioni (entrambe intorno al 70% del volume degli scambi).

L’UE si è schierata con la Spagna e ha chiarito che non riconoscerà la Catalogna indipendente se il processo non è conforme alla costituzione spagnola. A parte questo, in precedenti occasioni l’UE ha dichiarato che una regione che lascia uno Stato membro dell’UE lascia anche l’UE. In questo modo la Catalogna verrebbe effettivamente tagliata fuori dai suoi principali mercati e investimenti, rendendo i suoi prodotti non competitivi a causa delle barriere doganali che si troverebbero ad affrontare per non essere membri dell’Unione.

Non è probabile che l’economia catalana sia sostenibile a meno che non riesca a sostituire la Spagna e l’UE con mercati esteri. Tuttavia, ciò richiederebbe uno Stato forte per competere con altri paesi imperialisti per assicurarsi i mercati in un mondo che è già stato diviso. In un periodo di crisi e di accresciuta concorrenza tra gli imperialisti, è improbabile che uno Stato imperialista si arrenderebbe di fronte alla Catalogna.

Gli Stati Uniti considerano inoltre la Spagna come il partner più affidabile in Europa e non è probabile che, sostenendo la Catalogna, metterebbe in pericolo i suoi interessi. La Spagna ospita armi chiave degli Stati Uniti, come lo scudo antimissile nella base militare di Rota. Inoltre, la Spagna è molto diligente nel realizzare gli obiettivi della NATO e soprattutto degli Stati Uniti ovunque sia necessario.

Tuttavia, ciò non significa che l’impatto economico dell’indipendenza catalana sarebbe limitato solo alla Catalogna stessa. La Spagna sarebbe paralizzata dalla perdita della sua principale fonte di reddito e ciò avrebbe un forte impatto politico nell’UE. Dato che l’UE ha una moneta comune, qualsiasi tipo di instabilità politica provocherebbe una perdita di fiducia dei mercati e, di conseguenza, un ritiro di fondi e valore.

Ciò che è di fondamentale importanza per noi anti-imperialisti è l’effetto che avrebbe sulle neocolonie e sul sistema imperialista nel suo complesso.

Se da un lato ciò avrebbe un impatto sulla posizione globale e sulla forza dell’UE, dall’altro non avrebbe un effetto importante sul sistema imperialista. Qualsiasi tipo di debolezza dell’Unione Europea verrebbe utilizzata dai suoi concorrenti a proprio vantaggio, rendendo di fatto la situazione come prima.

Potrebbe essere possibile che una crisi in Spagna e nell’UE apra brevemente una finestra di opportunità nei paesi dipendenti in cui la presa di Spagna/UE è la più forte, ma ciò dipenderebbe in larga misura dalla rapidità con cui altri imperialisti reagiscono per prendere il sopravvento.

Dal punto di vista della classe, anche se non esiste un’organizzazione rivoluzionaria o di sinistra progressista, la crisi potrebbe creare un’opportunità per una tale organizzazione di apparire. L’indipendenza della Catalogna significherebbe anche una vittoria democratica sullo Stato fascista spagnolo, che di fatto significherebbe indebolimento del fascismo e responsabilizzazione dei movimenti e delle istituzioni democratiche. Insieme alla possibile crisi economica e alla caduta della Spagna nella gerarchia dell’ordine mondiale imperialista, questa situazione potrebbe diventare una solida base per cambiamenti più profondi.

Il rischio è che le forze progressiste non colgano lo slancio e permettano alle forze fasciste di prendere il sopravvento con la possibilità di un colpo di stato militare. Un altro rischio è legato alla capacità della Spagna di compensare l’impoverimento del suo popolo ridistribuendo la ricchezza creata dallo sfruttamento delle neocolonie per “comprare” la pace interna (questo è il ruolo della sinistra pro-imperialista come Podemos) e intensificare tale sfruttamento.

Conclusione

Noi come anti-imperialisti dobbiamo assumere i seguenti atteggiamenti:

*come Marxisti-Leninisti dovremmo sostenere l’autodeterminazione dei popoli;
*dovremmo mostrare solidarietà contro il fascismo e sostegno alle richieste democratiche, in quanto facilitano e rafforzano la nostra lotta;

*dobbiamo sottolineare che il popolo catalano non può essere sovrano e indipendente come parte del sistema imperialista perché:
*in questo modo sacrificano il proprio popolo, gli interessi sociali e nazionali per gli interessi del capitale, e *partecipano allo sfruttamento e ai massacri di altri popoli del mondo;

*dobbiamo riconoscere che l’indipendenza catalana non può avere carattere anti-imperialista e anti-sistemico a meno che:
*lasci le strutture politiche e militari imperialiste;
*rompe con il capitalismo globale e sforzarsi di creare un sistema economico indipendente con altre nazioni oppresse basato sulla solidarietà e l’uguaglianza.

L’imperialismo è un sistema globale in cui tutti i paesi, le economie e le lotte sono collegati tra loro, mentre allo stesso tempo i singoli movimenti anti-imperialisti si concentrano solo sulla propria lotta all’interno dei confini nazionali. Affinché la lotta anti-imperialista sia efficace, essa deve attraversare i confini e unire tutti i popoli che sono legati da legami politici ed economici tra i loro paesi.



Check Also

Brussels: Anti-Imperialist Front participated in a protest in support to Georges Ibrahim Abdallah

There was a protest in support of long-term Lebanese revolutionary prisoner in France, Georges Ibrahim ...