BIGtheme.net http://bigtheme.net/ecommerce/opencart OpenCart Templates
Home » Anti-Imperialist Front » Mahir Mete Kul vive nei nostri cuori

Mahir Mete Kul vive nei nostri cuori

Mahir Mete Kul ci ha lasciato nel fiore dei suoi anni. Aveva 23 anni. Fin da piccolo è cresciuto fianco a fianco dei rivoluzionari. Prende il nome da Mahir Çayan e Mete Nezihi Altınay che cadde martire sulle montagne di Sivas. La cultura e la morale che ricevette dai rivoluzionari ne fecero un giovane onesto e onorevole.

In giovanissima età si è unito alla lotta, è diventato un membro della Gioventù Rivoluzionaria del Liceo Rivoluzionario. Ha combattuto per una Turchia completamente indipendente. Voleva l’istruzione gratuita e un futuro senza esami. Fu ingiustamente imprigionato dal fascismo con l’aiuto di falsi testimoni, e minacciato con una punizione di decine di anni.

Fu rilasciato dal carcere, ma la minaccia dei fascisti non esitò a reprimere lui e i suoi amici con condanne a vita. Il sistema fascista turco non ha garantito il diritto di vivere né a Mahir Mete né ad altri giovani.

L’educazione di Mahir Mete è stata interrotta a metà: fu costretto a lasciare il paese per il desiderio di lotta, e partì per emigrare. Prese una barca che si capovolse per attraversare il fiume Mehriç.

E’ stato sepolto oggi ad Atene, secondo la tradizione rivoluzionaria a cui apparteneva.

Come Fronte Anti-Imperialista:

  • denunciamo le politiche imperialiste come maggior nemico del popolo e il fascismo turco come suo collaboratore, che costringono le persone a vivere situazioni pericolose o ad optare per l’esilio;
  • condanniamo le politiche anti-immigrazione che spingono migliaia di esseri umani alla morte mentre cercano di sfuggire agli orrori causati dalla politiche imperialiste;
  • chiediamo solidarietà per i rifugiati perseguitati, per la loro lotta anti-imperialista e anti-fascista;
  • esortiamo alla lotta contro la xenofobia e il razzismo nei confronti dei lavoratori immigrati.

L’emigrazione è una conseguenza dello sfruttamento imperialista, degli interventi militari e della repressione da parte dei regimi marionetta imperialisti. Il controllo dell’immigrazione è la base del sistema mondiale imperialista che garantisce lo sfruttamento dei paesi poveri.



Check Also

La lotta del lavoratore migrante è un passo avanti per l’indebolimento dell’imperialismo

Il movimento dei Gilets Noirs (Gilets Neri) in Francia, un movimento di immigrati ispirato dalla ...