BIGtheme.net http://bigtheme.net/ecommerce/opencart OpenCart Templates
Home » Anti-Imperialist Front » Belarus detains neo-Nazi, and imperialists howl [ENG-IT]

Belarus detains neo-Nazi, and imperialists howl [ENG-IT]

On May 23, Roman Protasevich was detained by authorities in the eastern European country Belarus after the plane he was riding made an emergency landing in Minsk. Protasevich’s detention set off howls of protest from governments and corporate media in the U.S. and European Union, as well as threats of sanctions and a ban on air travel to or from Belarus.

The arrest of Protasevich, who was earlier declared a terrorist threat by the Belarus government, is being presented as “Exhibit A” of President Alexander Lukashenko’s abuse of human rights, and in favor of regime change by the pro-Western opposition headed by Svetlana Tikhanovskaya.

The EU has announced a $3-billion “bailout” plan for Belarus if the opposition successfully topples Lukashenko’s government.

A few key facts are missing from the Western powers’ narrative.

Who gets to divert flights?

First, the diversion of flights and detention of air passengers is hardly unprecedented.

Recall, for example, that a plane from Moscow carrying Bolivian President Evo Morales over EU airspace in 2013 was refused the right to refuel, threatening the life of Morales and other passengers, and was then grounded on U.S. orders in Vienna, where the plane was searched by Austrian authorities. Morales — a head of state — was detained for 14 hours.

Supposedly Washington thought that “wanted” NSA whistleblower Edward Snowden might be aboard the plane. But the real reason was to threaten Morales and other anti-imperialist leaders by showing them that the U.S. could murder or capture them at its whim.

In 2016, a Belarusian flight over Ukraine was forced to turn back because Kiev’s right-wing government suspected anti-fascist supporters of Donetsk and Lugansk might be aboard. One person was detained before the plane was allowed to leave.

What is different in the Protasevich case — and objectionable to the imperialists — is that it was not done by them or a regime loyal to them.

Coup attempt thwarted

Second, just six weeks ago, in mid-April, a violent coup attempt against the government of Belarus was thwarted by Russian and Belarus intelligence services.

Two people were arrested in Moscow after opposition figures were captured on video plotting to murder President Lukashenko and his sons, and kill or detain 30 top officials. One of those arrested was a U.S. citizen. The coup attempt received virtually no coverage in the U.S. media.

The plot came after the failure of protests dominated by far-right and pro-Western forces last year to unseat Lukashenko’s government.

The Western powers’ objections to Lukashenko’s government have nothing to do with “human rights,” but rather that this former Soviet republic has retained some of the social gains of the socialist period. Belarus has not privatized fast enough and has maintained too much independence for their liking.

Who is Roman Protasevich?

Third, and perhaps most damningly, there is Roman Protasevich himself.

Held up as an “independent journalist” by the West, he is in fact a known fascist who participated in the 2014 coup in neighboring Ukraine and aligned himself with neo-Nazis there waging war on the independent republics of Donetsk and Lugansk. He also has strong ties to the U.S. government.

Here’s how Ukrainian anti-fascist activist and journalist Dmitri Kovalevich describes this character:

“In 2014 Roman Protasevich was one of the active participants of Euromaidan in Kiev. He participated in toppling Lenin’s monument in Kiev along with the Ukrainian far-right and posed with the toppled statue.

“In 2015 [Protasevich] volunteered with Azov – a neo-Nazi Ukrainian regiment. He was trained there and fought against the Donbass republics. [He] was promoted to deputy commander of an Azov detachment. Then helped Azov to receive sponsorship from the U.S. and Poland.

“Now the team of imprisoned Russian liberal Alexei Navalny also supports Protasevich, claiming that there was nothing wrong in his fighting in the ranks of Azov because he ‘helped to restore Ukraine’s control over its territory.’

“In other words, we see in this case a ‘lovely’ company: Western powers, Belarus and Russian liberal opposition, and Ukraine’s armed white supremacists.”

Protasevich’s affiliation with the ultra-right and servility to the Western imperialists is well-documented, including much photographic evidence of his open flaunting of neo-Nazi ties.

A U.S.-EU provocation?

The Western media and governments claim that the Ryanair flight from Athens to Vilnius was forced to land completely on the initiative of the Belarus government. However, there are reasons to question this story.

According to Belarus, the decision to land in Minsk came from the flight crew because of a bomb threat. A Belarus fighter plane was then dispatched to guide the plane into the airport.

No bomb was found aboard the plane. But authorities discovered there was in fact a wanted terrorist suspect aboard — Protasevich — and he was detained.

Belarusian Minister of Foreign Affairs Vladimir Makei described the subsequent outcry from Western capitals as a deliberate provocation.

The flight’s city of destination is enough to create suspicions about the U.S.-EU narrative. Vilnius is the capital of Lithuania, a NATO member ruled by a fascist-sympathizing government dominated by Washington, as is neighboring Baltic state Latvia.

As if on cue, after Protasevich was detained in Minsk, the mayor of Riga, Latvia’s capital, ordered a display of flags at an international sports event in the city to replace the official red-and-green Belarus flag with the white-and-red “BCHB flag” — the flag of fascist collaborators during the Nazi occupation of Belarus during World War II. This was the flag waved at last year’s anti-government protests.

Outraged Belarus residents quickly organized a rally at the Latvian Embassy in Minsk on May 24. Minsk Pravda correspondent Nadezhda Sablina reported:

“Belarusians ardently expressed their indignation and demanded the embassy staff answer, but they did not come out.

“Among the picket participants were members of the Patriots of Belarus, Belaya Rusi, the Belarusian Republican Youth Union, the Communist Party of Belarus, the Liberal Democratic Party, ordinary citizens of our republic, and partisan veterans.

“Participants of the event sang ‘Katyusha’ [an anti-fascist Soviet song] and the anthem of Belarus, chanted ‘Fascism will not pass!’ and ‘Shame!’

“Right there, near the Latvian Embassy, ​​the audience voted to bring the mayor of Latvia to justice.”

Workers and oppressed people here and around the world have good reasons to question the claims of the imperialists — and to support the struggle of people in Belarus to maintain their independence and keep their country from being turned into another weapon for U.S. imperialism.

**IT**

La Bielorussia arresta il neonazista, e gli imperialisti sbraitano

Il 23 maggio, Roman Protasevich è stato arrestato dalle autorità del paese dell’Europa orientale, la Bielorussia, dopo che l’aereo che stava guidando ha fatto un atterraggio di emergenza a Minsk. La detenzione di Protasevich ha scatenato le proteste dei governi e dei media delle corporation negli Stati Uniti e nell’Unione Europea, così come le minacce di sanzioni e il divieto di viaggiare in aereo da o verso la Bielorussia.
L’arresto di Protasevich, che era stato precedentemente dichiarato una minaccia terroristica dal governo bielorusso, è stato presentato come “prova A” dell’abuso dei diritti umani da parte del presidente Alexander Lukashenko, e a favore del cambio di regime dall’opposizione filo-occidentale guidata da Svetlana Tikhanovskaya.
L’UE ha annunciato un piano di “salvataggio” da 3 miliardi di dollari per la Bielorussia se l’opposizione riuscirà a rovesciare il governo di Lukashenko.
Alcuni fatti chiave mancano nella narrazione delle potenze occidentali.
Chi può dirottare i voli?
In primo luogo, la deviazione dei voli e la detenzione dei passeggeri aerei non è senza precedenti.
Ricordiamo, per esempio, che un aereo da Mosca che trasportava il presidente boliviano Evo Morales sullo spazio aereo dell’UE nel 2013 è stato rifiutato il diritto di rifornimento, minacciando la vita di Morales e di altri passeggeri, ed è stato poi bloccato su ordine degli Stati Uniti a Vienna, dove l’aereo è stato perquisito dalle autorità austriache. Morales – un capo di stato – fu trattenuto per 14 ore.
Presumibilmente Washington pensava che il “ricercato” Edward Snowden, informatore della NSA, potesse essere a bordo dell’aereo. Ma la vera ragione era quella di minacciare Morales e altri leader anti-imperialisti, mostrando loro che gli Stati Uniti potrebbero ucciderli o catturarli a loro piacimento.
Nel 2016, un volo bielorusso sull’Ucraina è stato costretto a tornare indietro perché il governo di destra di Kiev sospettava che i sostenitori antifascisti di Donetsk e Lugansk potessero essere a bordo. Una persona è stata arrestata prima che l’aereo fosse autorizzato a partire.
Ciò che è diverso nel caso Protasevich – e discutibile per gli imperialisti – è che non è stato fatto da loro o da un regime a loro fedele.
Tentativo di colpo di stato sventato
In secondo luogo, appena sei settimane fa, a metà aprile, un violento tentativo di colpo di stato contro il governo della Bielorussia è stato sventato dai servizi segreti russi e bielorussi.
Due persone sono state arrestate a Mosca dopo che alcuni esponenti dell’opposizione sono stati ripresi in video mentre complottavano per assassinare il presidente Lukashenko e i suoi figli, e uccidere o arrestare 30 alti funzionari. Uno degli arrestati era un cittadino statunitense. Il tentativo di colpo di stato non ha ricevuto praticamente nessuna copertura nei media statunitensi.
Il complotto è arrivato dopo il fallimento delle proteste dominate da forze di estrema destra e filo-occidentali l’anno scorso per rovesciare il governo di Lukashenko.
Le obiezioni delle potenze occidentali al governo di Lukashenko non hanno nulla a che fare con i “diritti umani”, ma piuttosto che questa ex repubblica sovietica ha conservato alcune delle conquiste sociali del periodo socialista. La Bielorussia non ha privatizzato abbastanza velocemente e ha mantenuto troppa indipendenza per i loro gusti.
Chi è Roman Protasevich?
In terzo luogo, e forse più dannatamente, c’è Roman Protasevich stesso.
Sostenuto come “giornalista indipendente” dall’Occidente, è in realtà un noto fascista che ha partecipato al colpo di stato del 2014 nella vicina Ucraina e si è allineato con i neo-nazisti che stanno muovendo guerra alle repubbliche indipendenti di Donetsk e Lugansk. Ha anche forti legami con il governo degli Stati Uniti.
Ecco come l’attivista e giornalista ucraino antifascista Dmitri Kovalevich descrive questo personaggio:
“Nel 2014 Roman Protasevich è stato uno dei partecipanti attivi di Euromaidan a Kiev. Ha partecipato al rovesciamento del monumento di Lenin a Kiev insieme all’estrema destra ucraina e ha posato con la statua rovesciata.
“Nel 2015 [Protasevich] si è offerto volontario nell’ Azov – un reggimento neonazista ucraino. È stato addestrato lì e ha combattuto contro le repubbliche del Donbass. [Lui] è stato promosso a vice comandante di un distaccamento di Azov. Poi ha aiutato Azov a ricevere la sponsorizzazione degli Stati Uniti e della Polonia.
“Ora anche la squadra del liberale russo imprigionato Alexei Navalny sostiene Protasevich, sostenendo che non c’era nulla di male nel suo combattere nelle file di Azov perché “ha aiutato a ripristinare il controllo dell’Ucraina sul suo territorio”.
“In altre parole, vediamo in questo caso una ‘bella’ società: Potenze occidentali, opposizione liberale bielorussa e russa, e suprematisti bianchi armati dell’Ucraina”.
L’affiliazione di Protasevich con l’ultradestra e il servilismo agli imperialisti occidentali è ben documentata, comprese molte prove fotografiche del suo aperto sfoggio di legami neonazisti.
Una provocazione USA-UE?
I media e i governi occidentali sostengono che il volo Ryanair da Atene a Vilnius è stato costretto ad atterrare completamente su iniziativa del governo bielorusso. Tuttavia, ci sono ragioni per mettere in dubbio questa storia.
Secondo la Bielorussia, la decisione di atterrare a Minsk è venuta dall’equipaggio del volo a causa di un allarme bomba. Un aereo da combattimento bielorusso è stato quindi inviato per guidare l’aereo nell’aeroporto.
Nessuna bomba è stata trovata a bordo dell’aereo. Ma le autorità hanno scoperto che a bordo c’era un sospetto terrorista ricercato – Protasevich – ed è stato arrestato.
Il ministro bielorusso degli affari esteri Vladimir Makei ha descritto la successiva protesta delle capitali occidentali come una provocazione deliberata.
La città di destinazione del volo è sufficiente per creare sospetti sulla narrazione USA-UE. Vilnius è la capitale della Lituania, un membro della NATO governato da un governo fascista-simpatizzante dominato da Washington, così come la vicina Lettonia, stato baltico.
Come al momento giusto, dopo che Protasevich è stato arrestato a Minsk, il sindaco di Riga, la capitale della Lettonia, ha ordinato un’esposizione di bandiere ad un evento sportivo internazionale nella città per sostituire la bandiera ufficiale bielorussa rossa e verde con la “bandiera BCBH” bianca e rossa – la bandiera dei collaboratori fascisti durante l’occupazione nazista della Bielorussia nella seconda guerra mondiale. Questa era la bandiera sventolata durante le proteste antigovernative dell’anno scorso.
I residenti bielorussi indignati hanno rapidamente organizzato una manifestazione presso l’ambasciata lettone a Minsk il 24 maggio. La corrispondente di Minsk Pravda Nadezhda Sablina ha riferito:
“I bielorussi hanno espresso ardentemente la loro indignazione e hanno chiesto al personale dell’ambasciata di rispondere, ma non sono usciti.
“Tra i partecipanti al picchetto c’erano membri dei Patrioti di Bielorussia, Belaya Rusi, l’Unione della Gioventù Repubblicana Bielorussa, il Partito Comunista di Bielorussia, il Partito Liberale Democratico, semplici cittadini della nostra repubblica e veterani partigiani.
“I partecipanti alla manifestazione hanno cantato ‘Katyusha’ [una canzone sovietica antifascista] e l’inno della Bielorussia, hanno intonato ‘Il fascismo non passerà!’ e ‘Vergogna!
“Proprio lì, vicino all’ambasciata lettone, il pubblico ha votato per assicurare alla giustizia il sindaco della Lettonia”.
I lavoratori e i popoli oppressi qui e in tutto il mondo hanno buone ragioni per mettere in dubbio le pretese degli imperialisti – e per sostenere la lotta del popolo in Bielorussia per mantenere la loro indipendenza e impedire che il loro paese sia trasformato in un’altra arma per l’imperialismo statunitense.

Source: https://www.struggle-la-lucha.org/2021/05/26/belarus-detains-neo-nazi-and-imperialists-howl/



Check Also

THE CONSTITUTIONAL COURT SAYS THAT THERE IS NO THREAT TO ALI OSMAN KÖSE’S LIFE!

20.06.2021 THE CONSTITUTIONAL COURT SAYS THAT THERE IS NO THREAT TO ALI OSMAN KÖSE’S LIFE! ...

%d blogcu bunu beğendi: