BIGtheme.net http://bigtheme.net/ecommerce/opencart OpenCart Templates
Home » 23. September » Actions » Announcement from comrade, greek political prisoner P.Georgiadis (English-Italian)

Announcement from comrade, greek political prisoner P.Georgiadis (English-Italian)

On September 23, after an “anonymous” phone call, the “anti”-terrorists proceeded to arrest me and to search  a warehouse I was renting in Koukaki, in which a quantity of explosives, detonators and bullets were found. I was then remanded in custody on an inflated indictment,
after the misdemeanours of the simple possession of explosives and ammunition were upgraded without the slightest element to the crime of “illegal possession of explosives for a felony”. So let’s start with the “criminal” part of the case, before we get into its political substance.
This is not the first time that the “anti” terrorist has used the method of “anonymous” phone calls to target militants, to conduct investigations and to secure their detention with vague or non-existent evidence.
The “anti”-terrorist has set up an entire factory of “anonymous” phone calls and quite by chance is the only service of the Hellenic Police. which does not have caller ID, thus creating a huge field of arbitrariness. In this case, it is supposed that an “unknown man” called 1014, naming me and comrade MT saying that we are hiding weapons and explosives in a warehouse in Koukaki in order to use them in “terrorist action”. As it turned out, however, it was not some kind of illegal “safehouse”, but a legally rented bookstore. It also turned out that comrade M.T. had absolutely nothing to do with the warehouse and what was found there. The purpose of renting the warehouse was to store older books of the “Asymmetric Threat” publications. Indeed, among the books were a travel bag with explosives and a box of bullets and detonators.
From the first moment I was very clear about their origin: it was material that had not been found from the police investigations carried out in August 2008, after the abduction of the president of the Association of Greek Industrialists of Northern Greece, G. Mylonas.
This material was buried in a place on the outskirts of Thessaloniki and when construction work began in the area, I transferred it in parts to Athens three years after my release for security reasons. I stored it in my legal property and no one but me was aware of its existence or access to it.
Nowhere in the case file formed by the “anti”-terrorist does the slightest indication “available to third parties for the purpose of committing a crime” appear. The escalation of the indictment from a misdemeanour to a felony resulted from stunts of cheap propaganda by the “anti”-terrorists in order to secure my pre-trial detention.
With gossipy verbal formulations, this service tried (and succeeded) in creating an aggravating climate to cover the lack of real data. In order not to get tired, I would like to mention here only one example.
The “anti” terrorist states that the connection found in my possession resembles in part a connection used by the Popular Fighters Group in an attempted bomb attack against the Ministry of Labour. But what does it mean that two connections are alike? Quite simply, that they are not the same. They are not identical! However, instead of mentioning the dissimilarity and non-identification of the two connections, the “anti”-terrorists chose the above gossipy wording, simply to create impressions and aggravate the atmosphere. The highlight, however, of the desperate attempt for even greater expansion of the case is the papatziliki with the pdf of taking responsibility for the attack on the offices of the Association of Greek Industrialists. There, the “Clues” of the “anti” terrorist were completely ridiculed as, not only did they present a pdf document downloaded from the internet as an “original proclamation”, but they are also accountable for explaining how this pdf got to specific media before it was published on Indymedia…
I close the first part of this text with a brief account of the circumstances of my arrest. Even at this point the “anti”-terrorists are lying, which is indicative of the arbitrary context in which they operate. While they claim that I was arrested at 18:10 while leaving the warehouse,
in fact my arrest took place at 19:20 outside a shop in the area where I had gone to eat (a fact that is also confirmed by the testimony of the warehouse owner). That is why the “anti”-terrorists contradict themselves: the policeman BD Papadimitriou testifies that the physical search and recording of the confiscated items in GADA was completed in a superhuman space of time, at 18:45 (ie just 35 minutes from the arrest operation in Koukaki), while the more honest lieutenant B.N. Batsoulis, states that the physical search started at 20:50 and ended at 21:00…
The essence of the case, however, is not “criminal” but political. The arbitrariness and contradictions of the “anti” terrorist are only the shell. From July 2019 and the replacement of the social democratic / extreme right co-management of state power by the neoliberal / extreme right, at the core of state policy is the doctrine of Law and Order and the ruthless repressive pogrom against the “internal enemy” (combined, of course, with the rise of nationalism and racism, within the “national” line drawn by the bourgeoisie as a whole political world, from the far right to the left of capital)
. From the suppression of refugee and anarchist occupations to the abolition of university asylum. From anti-immigration pogroms to the fascist measure of banning demonstrations. From police brutality to the ban on the right to strike.
The list has no end to describe the stormy repression of the bourgeois state, as after a decade of continuous and violent capitalist restructuring of the “memorandum period”,
a new cycle of crisis begins (as a natural continuation of the crisis of 2008) and consequently opens a new cycle of attack on the remaining labour and social conquests.
The outbreak of the pandemic (as a conjunctural eruption of the inevitable capitalist crisis) makes the effect of the neoliberal campaign even more pronounced: all over the world it is the poor who die in the streets and ghettos, while at the same time states are over-equipped and intensifying bourgeois and imperialist rivalries. Greece, of course, is no exception. After a decade of continuous recession and the implementation of the barbaric memorandum policy, the burdens of the new crisis will again be called upon to lift the poor, the working, the unemployed, the excluded. There is money for the war preparation of the Greek state, but there is not even saliva for basic social needs. There is money to build a modern police state, but there is no saliva for a decent public health system. There is money to clutter the media, but there is not even saliva expended on finding classrooms so that students do not crowd into school classrooms – cages. The social majority is plunged even more into misery, in order to save capital once again. The future reserved for the youth is among the queues of the unemployed, in intensified work for crumbs and in the camps, where he is trained to become meat for the cannons of the imperialist war. And since the bourgeois state is unable to manage the multifaceted capitalist crisis (health, economic, social, food, etc.) it grabs the whip.
It angrily attacks political opponents, those who challenge the state monopoly on violence, those who resist modern barbarism. It wants to exterminate any voice that deconstructs the institutional monologue for “national unity” and capitalist “development”.
In this case, it targeted the Collective Counterattack collective, in which I have been participating since 2014, as a “political organisation-showcase” which is in fact a “terrorist tank”. First of all, if they want to find the reservoirs of real terrorists let them look better in the salons frequented by shipowners, industrialists, contractors and their civilian staff. The Class Counter-Attack is a collective that in the six years of its presence has made many manifestations, has set up structures of class solidarity, has proceeded to political interventions in all fields of social struggle and class struggle: in the creation of anti-imperialist / anti-war movement, in international solidarity, in support of workers’ struggles, in militant antifascism, in struggles against state repression, in environmental struggles, alongside the infernos in prisons and refugee and immigrant concentration camps.
With our small forces we tried to clash with the central strategic choices of the Greek capital and its state: the attachment to the chariot of Euro-Atlantic imperialism, the attempts of geostrategic upgrade by turning the country into a military base –
NATO’s advanced outpost and huge US military base, strategic alliance with the assassination regimes of Israel, Egypt, Saudi Arabia and the United Arab Emirates.
Through its multifaceted political activity, the Class Counterattack, experienced many times the vengeful rage of the repressive mechanisms: the installation of a surveillance camera outside its political space, the monitoring of her members and other comrades with geo-localization devices (and while the Minister of Repression M. Chrysochoidis recently came out to declare immediately after the new fiasco regarding the disappearance of the Nazi Ch. Pappas (that citizen surveillance is illegal), harassment and bullying against its members by cops, extraditions and arrests. This surprise, then, should not come as a surprise with this allegedly “anonymous” phone call.
The end result was securing my pre-trial detention with an inflated indictment, as the only criterion for the criminal upgrade of the case from a misdemeanor to a criminal one, is my political position and action.
Unfairly, though they are trying to “finish” (as they had previously announced) those who are building roadblocks of resistance to capitalist barbarism. Because the weapons of solidarity and dignity are not surrendered.
And as our brother Christos Politis used to say: PATIENCE, STRENGTH, FAITH IN THE REVOLUTIONARY CASE!
SOLIDARITY TO COMRADES M.T. AND EM.
P.S.
In recent months the government through the media has launched a media campaign, in which prisons are presented as places of recreation with luxury cells. The aim is to create a suffocating environment in prisons by abolishing rights won through struggle and bloodshed. The reality, however, is completely different. Thousands of people are being held in miserable detention conditions. In the midst of a pandemic, there has not been a single basic health measure to combat it, other than repressive measures, such as cutting permits and visits. And while even dictatorial or authoritarian regimes have released people from prison, the Greek state insists on suffocatingly filling the “penitentiary shops”. The executioners of the government will be solely responsible for any result of this murderous policy in the hells of the Greek prisons, with the first being the dogs of USA imperialism minister of repression M. Chrysochoidis and the prime minister K. Mitsotakis…
Polykarpos Georgiadis
Larissa Prison-Greece
LETTERA DEL COMPAGNO POLYKARPOS GEORGIADIS DALLA PRIGIONE DI LARISSA
Il 23 settembre, dopo una telefonata “anonima”, le squadre dell’“anti”terrorismo hanno proceduto al mio arresto e alla perquisizione di un magazzino che stavo affittando a Koukaki, in cui sono stati trovati detonatori, proiettili e dell’esplosivo. Sono stato quindi posto in custodia cautelare su un atto d’accusa gonfiato, dopo che i reati di possesso di esplosivi e munizioni sono stati aggiornati, senza il minimo elemento probatorio, al reato di “possesso illegale di esplosivi al fine di commettere un crimine”. Quindi iniziamo con la parte “penale” del caso, prima di entrare nella sua sostanza politica.
Non è la prima volta che l’“anti”terrorismo utilizza il metodo delle telefonate “anonime” per prendere di mira i militanti, per condurre indagini e per garantire la loro detenzione con prove vaghe o inesistenti. L’“anti”terrorismo ha messo in piedi un’intera fabbrica di telefonate “anonime” e tant’è che è l’unico corpo della Polizia ellenica che non ha un registro delle chiamante, creando così un enorme campo di arbitrarietà. In questo caso, si presume che un “uomo sconosciuto” abbia chiamato nominando me ed il compagno MT, dicendo che stavamo nascondendo armi ed esplosivi in ​​un magazzino a Koukaki per usarli in una “azione terroristica”. In seguito si è scoperto che il magazzino in questione non fosse un “covo illegale” ma un deposito di una libreria legalmente affittato. Si è anche scoperto che il compagno M.T. non aveva assolutamente nulla a che fare con il magazzino e con quello che vi si trovava all’interno. Lo scopo dell’affitto del magazzino era quello di immagazzinare i libri più vecchi delle edizioni “Asimmetri Apeili” [“Minaccia Asimmetrica”]. In effetti, tra i libri c’era un sacco da viaggio con esplosivi e una scatola di proiettili e alcuni detonatori. Fin dal primo momento sono stato molto chiaro sulla loro origine: si trattava di materiale che non era stato trovato dalle indagini di polizia che erano state svolte nell’agosto 2008, dopo il rapimento del presidente dell’Associazione degli industriali greci della Grecia settentrionale, G. Mylonas [Dalle indagini e dal processo relativo al rapimento dell’industriale, Polycarpos è stato riconosciuto colpevole di favoreggiamento nei confronti di Vassillis Palaiokostas. Motivo per cui ha scontato sei anni nelle galere greche NdT] Questo materiale è stato seppellito in un luogo alla periferia di Salonicco e quando sono iniziati i lavori di costruzione nella zona, l’ho trasferito in parte ad Atene tre anni dopo il mio rilascio. L’ho conservato nella mia proprietà legale e nessuno tranne me era a conoscenza della sua esistenza o aveva accesso ad esso.
Da nessuna parte nel fascicolo dell’“anti”terrorismo compare la minima indicazione che quel materiale fosse”a disposizione di terzi allo scopo di commettere altri reati”. L’escalation dell’accusa da una tipologia di reato ad un altro è il risultato di acrobazie a basso costo per garantire la mia detenzione preventiva. Con formulazioni verbali da gossip, la Polizia ha cercato (ed ottenuto) di creare un clima cupo per coprire la mancanza di prove reali. Per non annoiare oltre vorrei citare qui solo un esempio. L’“anti”terrorismo afferma che il detonatore trovato in mio possesso assomiglia in parte a un detonatore utilizzato dal Gruppo dei Combattenti del Popolo in un tentato attentato dinamitardo contro il Ministero del Lavoro. Ma cosa significa, che i due congegni si assomigliano parzialmente? Molto semplicemente, che non sono la stessa cosa, non sono identici! Tuttavia, invece di menzionare la dissomiglianza e la non identificazione dei due detonatori l’antiterrorismo ha scelto la dicitura pettegola di cui sopra, semplicemente per creare impressioni e un’atmosfera aggravante. Il culmine, tuttavia, del disperato tentativo di esagerare ulteriormente il caso è la questione del Pdf della rivendicazione dell’attacco agli uffici dell’Associazione degli industriali greci. Lì, i detective dell’antiterrorismo sono stati completamente ridicolizzati in quanto, non solo hanno presentato un documento pdf scaricato da Internet come un “documento originale”, ma sono anche stati costretti a spiegare il modo con il quale questo Pdf è arrivato a determinati media, prima ancora dalla sua pubblicazione su Indymedia.
Chiudo la prima parte di questo testo con un breve resoconto delle circostanze del mio arresto. Anche su questo l’antiterrorismo mente il che è indicativo del contesto di arbitrarietà in cui opera. Viene sostenuto che io sia stato arrestato alle 18:10 mentre uscivo dal magazzino, in realtà sono stato arrestato alle 19:20 davanti a un negozio della zona dove ero andato a mangiare (fatto che è confermato dalla testimonianza dellla proprietaria del magazzino). Per questo l’“anti”terrorismo cade in contraddizione: il poliziotto D. Papadimitriou testimonia che la perquisizione fisica e la registrazione dei confiscati in GADA si sia conclusa in tempo sovrumano alle 18:45 (ossia in soli 35 minuti dal mio arresto a Koukaki), mentre il più onesto tenente N. Batsoulis afferma che la perquisizione fisica è iniziata alle 20:50 e terminata alle 21:00.
L’essenza del caso, tuttavia, non è “penale” ma politica.
L’arbitrarietà e le contraddizioni dell’“anti”terrorismo sono solo il guscio della questione. Dal luglio 2019 e dalla sostituzione della cogestione socialdemocratica / estrema destra del potere statale con quella neoliberista / estrema destra, al centro della politica statale c’è la dottrina della legge e dell’ordine e lo spietato pogrom repressivo contro il “nemico interno” (in combinazione, ovviamente). Con l’ascesa del nazionalismo e del razzismo, all’interno della linea “nazionale” tracciata dal mondo politico borghese nel suo insieme, dall’estrema destra alla sinistra del capitale. Dalla soppressione delle occupazioni di rifugiati e anarchici all’abolizione dell’asilo universitario. Dai pogrom anti-immigrati alla misura fascista del divieto di indire manifestazioni senza comunicarlo prima agli organi competenti. Dalla brutalità della polizia all’abrogazione, di fatto, del diritto di sciopero. L’elenco è infinito per descrivere la burrascosa repressione dello stato borghese, poiché dopo un decennio di continua e violenta ristrutturazione capitalistica del “periodo memorandum”, inizia un nuovo ciclo di crisi (come una naturale continuazione della crisi del 2008) e di conseguenza si apre un un nuovo ciclo di attacchi alle rimanenti conquiste operaie e sociali.
Lo scoppio della pandemia (come punto di svolta nell’inevitabile crisi capitalista) intensifica l’effetto dell’assalto neoliberista: in tutto il mondo sono i poveri che muoiono nelle strade e nei ghetti, mentre allo stesso tempo gli stati sono iper-armati e si sono inaspriti i conflitti intercapitalistici. La Grecia, ovviamente, non fa eccezione. Dopo un decennio di recessione continua e l’attuazione della barbara politica del memorandum i poveri, i lavoratori, i disoccupati e gli esclusi saranno nuovamente chiamati a sollevare i pesi della nuova crisi. Ci sono soldi per la preparazione alla guerra dello Stato greco, ma non ci sono risorse per i bisogni sociali di base. Ci sono soldi per costruire un moderno stato di polizia, ma non ci sono risorse per un sistema sanitario pubblico decente. Ci sono soldi per foraggiare i media, ma non ci sono risorse per trovare aule in modo che gli studenti non si sovraffollino nelle aule-gabbia. La stragrande maggioranza della società è sprofondata ancora di più nella miseria, per salvare ancora una volta il capitale. Il futuro riservato ai giovani sta tra le fila dei disoccupati, nel lavoro estenuante per avere solo briciole o nelle caserme, dove si viene addestrati per diventare carne da cannone della guerra imperialista. E poiché lo Stato non è in grado di gestire la multiforme crisi capitalista (sanitaria, economica, sociale, alimentare, ecc.), afferra la frusta. Attacca con rabbia i suoi oppositori politici, quelli che sfidano il monopolio di stato sulla violenza, quelli che resistono alla barbarie moderna. Vuole sterminare qualsiasi voce che decostruisca il monologo istituzionale dell’ “unità nazionale” e dello”sviluppo”capitalista.
In questo caso il collettivo Taksiki Antepithesi, a cui partecipo dal 2014, è stato preso di mira e descritto come una “organizzazione-vetrina” che in realtà funzionerebbe da bacino di reclutamento per terroristi. Prima di tutto, se vogliono trovare i serbatoi dei veri terroristi, farebbero meglio a cercare nei salotti frequentati da armatori, industriali, appaltatori e dai loro impiegati politici. Taksiki Antepithesi è un collettivo che nei suoi 6 anni di esistenza ha realizzato molte iniziative, ha istituito strutture di solidarietà di classe, ha proceduto ad interventi politici in tutti i settori della lotta sociale e della lotta di classe: nella creazione del movimento antimperialista / contro la guerra, nella solidarietà internazionale , nel sostegno delle lotte operaie, nell’antifascismo militante, nelle lotte contro la repressione statale, nelle lotte ambientali, nella solidarietà con tutti i prigionieri delle carceri e di quelli rinchiusi nei campi di concentramento per rifugiati e immigrati. Con le nostre piccole forze abbiamo anche cercato di scontrarci con le scelte strategiche centrali del capitale greco e del suo Stato: l’attaccamento al carro dell’imperialismo euro-atlantico, i tentativi di riqualificazione geostrategica con la trasformazione del Paese in base militare-avamposto avanzato per l’alleanza strategica con i regimi assassini di Israele, Egitto, Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti.
Attraverso la sua multiforme attività politica, Taksiki Antepithesi ha sperimentato molte volte la vendetta dei meccanismi repressivi: telecamere trovate fuori dal suo spazio politico, vari dispositivi Gps trovati nei mezzi di alcuni compagni (e mentre sfacciatamente Il ministro della Repressione M. Chrysochoidis è uscito di recente a dichiarare subito dopo il nuovo fiasco riguardante la scomparsa del nazista Ch. Pappas che la sorveglianza dei cittadini è illegale), molestie e prepotenze da parte di poliziotti, fermi ed arresti.
In questo contesto la telefonata “anonima” non sorprende affatto. Il risultato finale è stato garantire la mia custodia cautelare con un’accusa gonfiata, poiché l’unico reale motivo della mia detenzione è semplicemente la mia posizione ed azione politica.
Il tentativo delle varie forze statali è quello di “finire” (come avevano dichiarato) coloro che stanno costruendo blocchi di resistenza alla barbarie capitalista. Cosicché le armi della dignita e della solidarietà non vengano trasmesse alle generazioni future.
Come diceva nostro fratello Christos Politis:
PAZIENZA, FORZA, FEDE NELLA CAUSA!
SOLIDARIETÀ AL COMPAGNO M.T. E ALLA COMPAGNA E.M.
P.s. Negli ultimi mesi il governo attraverso i media ha lanciato una campagna di comunicazione in cui le carceri vengono presentate come luoghi di svago con celle di lusso. L’obiettivo è creare un ambiente soffocante nelle carceri abolendo i diritti conquistati con la lotta e lo spargimento di sangue. La realtà, tuttavia, è completamente diversa. Migliaia di persone sono trattenute in miserabili condizioni di detenzione. Nel bel mezzo di una pandemia, non c’è stata una singola misura sanitaria di base per combatterla, a parte misure repressive, come il taglio dei permessi di uscita e la riduzione dei colloqui. E mentre anche regimi dittatoriali o autoritari hanno proceduto a decongestionare le carceri, lo Stato greco insiste riempiendo e soffocando i penitenziari. I carnefici del governo saranno gli unici responsabili per qualsiasi risultato di questa politica omicida negli inferni delle carceri greche, in particolare lo servo degli yankees, ministro della repressione M. Chrysochoidis ed il portasfiga, primo ministro K. Mitsotakis …
Polykarpos Georgiadis
Prigioni di Larissa


Check Also

Anti Imperialist Front Greece: From Premetheus to Ebru Timtik the struggle for justice is our imheritance

The great humanity says “Justice”; “An ideal we have to win” It is the ideal ...

%d blogcu bunu beğendi: