BIGtheme.net http://bigtheme.net/ecommerce/opencart OpenCart Templates
Home » Anti-Imperialist Front » Di seguito è riportato un recente articolo con un’intervista a Grup Yorum pubblicato sul portale di sinistra İLERİHABER…

Di seguito è riportato un recente articolo con un’intervista a Grup Yorum pubblicato sul portale di sinistra İLERİHABER…

Grup Yorum sta affrontando una nuova ondata di attacchi. I membri del gruppo sono stati arrestati in un’incursione e il Centro Culturale İdil è stato distrutto la settimana scorsa. Abbiamo parlato con i membri di Grup Yorum di quello che è successo durante il raid, a cosa miravano gli attacchi, come continuare la strada e la lotta degli artisti contro il fascismo.
Grup Yorum, che è attivo nel campo della musica politica del popolo dal 1987 e che ha sempre fatto parte della lotta rivoluzionaria – come un militante della rivoluzione, il gruppo canta le sue canzoni, le sue marce e i suoi lamenti, pagandone il prezzo.
Nonostante questo, né la lotta, né la voce di Grup Yorum è stata smorzata. Soprattutto dal 2015, mentre il governo dell’AKP cerca di trasformare il Paese in una prigione fascista, Grup Yorum ha subito e continua a subire forti pressioni. A causa dei divieti, è stato quasi reso incapace di esibirsi in concerti. I suoi membri sono stati arrestati e sono diventati immortali nella resistenza con il death fast.
Il Centro Culturale Idil ha subito atti di terrorismo…
Questi attacchi, volti ad impedire al gruppo di incontrarsi con il popolo, esprimono la proiezione di una paura e suscitano rabbia tra coloro che amano Grup Yorum.
La settimana scorsa l’ultimo di questi attacchi contro il Centro Culturale İdil, come è succeso più volte in precendenza.
I membri del gruppo Betül Varan, Bergün Varan, Sultan Gökçek, Eren Erdem e l’operatore della FOSEM Barış Gürses, sono stati arrestati durante l’incursione effettuata dall’esercito della polizia. Il periodo di detenzione di quattro giorni per le cinque persone che sono state prese in custodia,è stato prolungato di altri quattro giorni.
Un altro segno della paura del fascismo nei confronti di Grup Yorum è stata la distruzione visibile del Centro Culturale İdil dopo il raid. Il Centro è stato saccheggiato da cima a fondo, gli strumenti sono stati distrutti, i libri sono stati gettati per terra…
Abbiamo parlato con i membri del gruppo di quello che è successo durante il raid, a cosa miravano gli attacchi, come continuare la lotta degli artisti contro il fascismo.
“IL RAID NON È STATO SUFFICIENTE, LE MINACCE CONTINUANO…”
Dopo un tentativo di concerto proibito e attaccato, il Centro Culturale İdil è stato di nuovo devastato. Circolano immagini disumane. Anche i membri di Grup Yorum sono stati arrestati. Cosa è successo durante i momenti di raid?
Sono venuti con decine di poliziotti del corpos delle operazioni speciali e hanno rotto le porte finestre e quelle del bar della nostra istituzione. Sembrava che stesse arrivando l’occupazione nemica. Hanno buttato i nostri amici a terra e li hanno trascinati con la tortura nella centrale di polizia. Poi hanno distrutto il nostro Centro Culturale e il nostro caffè. Hanno rotto il nostro baglama e il violino: hanno rotto le loro corde. Hanno rotto gli scaffali della nostra biblioteca, hanno gettato tutti i nostri libri per terra. Non hanno lasciato quasi nessun oggetto utilizzabile. Inoltre, un agente di polizia – che dice di essere della sezione politica del quartier generale della polizia di Istanbul – chiama e minaccia costantemente il nostro Centro.
In una resistenza molto gloriosa e onorevole, abbiamo sepolto due nostre vite e membri del gruppo. Oggi, grazie a loro, stiamo continuando la nostra arte rivoluzionaria a testa alta, continuiamo le pubblicazioni dei nostri album e le nuove composizioni. Abbiamo pubblicato la nostra rivista “Attitude”. Il nostro lavoro continua a pieno ritmo e con entusiasmo. I nostri membri sono stati liberati, siamo di nuovo insieme a loro. Hanno voluto isolarci dal nostro popolo. Volevano che non ascoltassimo la minima voce di solidarietà. Ma non ci sono riusciti. In questo scontro e susseguirsi di eventi, pensiamo di avere più posto tra le voci e i cuiri della gente. Questa è la sconfitta del fascismo. Questa incursione è la prova che non accettano le loro sconfitte.
“IL NOSTRO CENTRO CULTURALE È STATO ATTACCATO PER LA SECONDA VOLTA IN DUE MESI”.
Non è la prima volta che affrontiamo queste incursioni e questi attacchi. Con il sostegno e la solidarietà del nostro popolo, sappiamo come riorganizzare il nostro Centro Culturale dopo ogni raid. D’altra parte, il nostro Centro Culturale è stato attaccato per la seconda volta in due mesi. Siamo molto arrabbiati per questo. Una delle richieste di Helin e di İbrahim era che il nostro Centro Culturale non fosse più oggetto di raid. Pertanto, la nostra rabbia è ancora più grande. Non vediamo mai i raid come normali, non ci abituiamo ad essi. Vogliamo anche che la gente non consideri i raid sul Centro culturale İdil come un evento ordinaro e parte della quotidianità.
“CANTIAMO LE NOSTRE CANZONI PER IL PAESE CHE SOGNIAMO”.
La resistenza che ha reso eterni Helin e İbrahim è iniziata a causa di queste repressioni. Qual è il potere che ignora le chiamate di due persone che vogliono far sentire la loro voce a costo della vita e qual è lo scopo di queste incursioni? Perché la voce di Grup Yorum è così temuta?
Abbiamo cantato le nostre canzoni tradizionali per un Paese che sognamo da 35 anni.
Che tipo di Paese?
Un Paese dove l’imperialismo non penetra nel profondo, una Turchia indipendente. Una Turchia democratica, dove il fascismo non si copre con le sue volgari leggi per nascondere le ingiustizie all’interno del sistema. Una Turchia socialista, dove non c’è sfruttamento del lavoro, fame, povertà e omicidi negli ambienti di lavoro. Per questo abbiamo composto canzoni su Soma, sui massacri di Lice, Sur e Cizre, per Berkin Elvan, per i prigionieri malati, per il terremoto del 17 agosto.
“VIVIAMO IL PIÙ INTENSO DEGLI ATTACCHI”
Pertanto, ci troviamo di fronte alla repressione e agli attacchi di coloro che sono stati nemici dei nostri sogni per 35 anni. I nostri album sono stati trivellati, i nostri concerti sono stati banditi, le nostre registrazioni non sono state pubblicate, siamo stati arrestati e torturati: abbiamo sperimentato tutto questo. Oggi stiamo vivendo il più intenso di questi attacchi.
Nel nostro Paese c’è un Governo la cui incapacità di gestire la crisi è sempre più profonda e dalla quale non uscirà mai. Come gruppo musicale che invita il popolo a “non disperare, a non desistere, a resistere, a combattere, a fare un bilancio” e a chiedere al popolo di prendere il potere, siamo diventati una minaccia molto grave per il fascismo dell’AKP.
Tanto che ci hanno messo in testa delle taglie, i nostri concerti sono stati proibiti in 81 province con una circolare del Ministero dell’Interno, tutti i nostri membri sono stati arrestati, il nostro Centro Culturale è stato perquisito più di dieci volte in tre anni. Quello che vogliono fare è mettere fine all’arte rivoluzionaria, è una specie di operazione di “Yavuz Bingöl’ization”. Il fascismo diceva che se si ha intenzione di fare musica, lo si fa secondo i loro termini, nei parametri che ha stabilito.
Volevano liquidare Grup Yorum con tutta la sua identità, con quello che produce, con i valori che crea. Abbiamo scelto la via della resistenza dicendo “o la vittoria o la morte”.
Siamo riusciti a raggiungere anche le orecchie dei sordi con la nostra resistenza in death fast, così abbiamo evaso l’oscuro isolamento che calava su di noi. Finché saremo governati dal fascismo, continueremo ad affrontare la repressione, gli attacchi e i divieti. Forse incontreremo attacchi ancora più pesanti di quelli di oggi. Ma a tutti i costi continueremo a camminare per la nostra strada, a resistere anche se pagheremo un prezzo enorme per i nostri diritti e per la giustizia. E se il fascismo non ci concederà il diritto ai notri concerti, ci faremo strada!
“UN NEMICO PER IL POPOLO, PER L’ARTE E PER GLI ARTISTI…”.
Mentre la repressione su Grup Yorum si è protratta per molto tempo, vediamo che anche le attività di artisti noti con la loro identità di “oppositori” sono state censurate durante questo periodo. L’AKP ha intrapreso una guerra a tutto campo contro l’arte. Cosa pensate dell’importanza della solidarietà artistica in un ambiente di questo tipo?
Ciò che chiamiamo arte è l’espressione delle esperienze della gente con mezzi diversi. Oggi la gente vive la fame, la povertà e l’ingiustizia. Gli artisti che li descrivono nelle loro opere incontrano pressioni e divieti. In altre parole, abbiamo al potere un governo ostile ai popoli, all’arte, all’artista.
Il ministro della Propaganda della Germania nazista Joseph Goebbels ha detto: “Quando si tratta di cultura, la mia mano va alla mia pistola”.
Anche il fascismo dell’AKP si nutre della stessa sostanza. Uno degli ex ministri ha detto: “Sradicheremo le erbacce nel campo della cultura e dell’arte”.
Oggi bloccano le attività degli artisti usando la pandemia come scusa, a volte senza nemmeno inventarsi delle scuse. I concerti sono vietati, le sale di teatro sono chiuse, le rappresentazioni sono bloccate. Condannano gli artisti alla fame, quasi 100 musicisti si sono suicidati durante il periodo dell’ epidemia.
“NON POSSONO EGEMONIZZARE LA CULTURA E L’ARTE”
Tuttavia, non possono stabilire la loro egemonia nel campo della cultura e delle arti. Lo ammettono con le loro stesse bocche, dicendo: “Non siamo riusciti a ottenere i risultati che volevamo in questo campo”.
Sì, non potranno mai creare un poeta come Nazım Hikmet. Non hanno Helin Bölek, İbrahim Gökçek, Grup Yorum che moriranno per la loro arte.
Questo è tutto: è il potere dell’arte del popolo, dell’arte socialista realista. Anche gli artisti e gli intellettuali del nostro Paese dovrebbero essere consapevoli di questo potere. Aumentare questo potere richiede anche di stare “spalla a spalla contro il fascismo”.
Nella storia recente abbiamo sperimentato esempi molto positivi di solidarietà tra artisti nel nostro Paese. Prendiamo come esempio il processo di rivolta di giugno del 2013. C’è solo una ragione per cui il fascismo sembra forte: la disorganizzazione del popolo, degli artisti e degli intellettuali.
Facciamo appello a tutti gli artisti che sono contro il fascismo e fanno arte per il popolo, affinché si riuniscano nell’Assemblea dell’arte.
MESSAGGIO DI GRUP YORUM: “SIATE LA NOSTRA VOCE, IL NOSTRO RESPIRO”
Qual è il messaggio di Grup Yorum al pubblico?
Noi siamo gli artisti del popolo. Prendiamo la nostra forza dal popolo, ci affidiamo al nostro popolo di fronte a tutte le difficoltà. Non abbiamo mai avuto grandi sponsor alle spalle. Non abbiamo mai ricevuto sostegno dal governo. Non abbiamo mai ricevuto fondi, sovvenzioni dall’imperialismo UE-USA per esprimere la nostra arte.
Quindi il nostro unico sostegno è stato il popolo. Abbiamo tenuto i nostri concerti in piazza, dove abbiamo riunito milioni di persone, e il nostro concerto a İnönü, il più grande concerto del nostro Paese, con il potere del nostro popolo e la solidarietà. Quando non c’è un solo membro dello Yorum escluso, i nostri fan escono e abbracciano il gruppo. Questo è il modo in cui incarniamo lo slogan “Grup Yorum è il popolo, non può essere messo a tacere“.
Noi chiamiamo tutto il nostro popolo e i nostri fan, gli intellettuali e gli artisti, a fare pressione per sostenere Grup Yorum, per essere la nostra voce e per respirare.



Check Also

Anti Imperialist Front Greece: From Premetheus to Ebru Timtik the struggle for justice is our imheritance

The great humanity says “Justice”; “An ideal we have to win” It is the ideal ...

%d blogcu bunu beğendi: