BIGtheme.net http://bigtheme.net/ecommerce/opencart OpenCart Templates
Home » Anti-Imperialist Front » La Turchia che lotta per la giustizia si trova ad affrontare un attacco dopo l’altro

La Turchia che lotta per la giustizia si trova ad affrontare un attacco dopo l’altro

Cari compagni,
speriamo che voi stiate bene!
Vogliamo scrivervi per una questione urgente.
Il popolo rivoluzionario e progressista in Turchia che lotta per la giustizia si trova ad affrontare un attacco dopo l’altro.
E così, ci sono anche delle resistenze, una dopo l’altra, che costano un prezzo molto alto.
Per un anno artisti rivoluzionari, prigionieri politici e avvocati del popolo in Turchia continuano a resistere con i loro corpi per respingere il più grande attacco e i tentativi di annientamento di tutti i movimenti progressisti del Paese.
Siamo ben consapevoli e cerchiamo di seguire e organizzare al meglio la solidarietà con i popoli dei diversi paesi, che sono anche in condizioni molto repressive e affrontano un periodo speciale di attacchi.
Tuttavia, vorremmo chiedervi di alzare la voce o con una dichiarazione video o con un messaggio scritto per i due avvocati del popolo Ebru Timtik e Aytaç Ünsal, che sono in punto di morte in Turchia per difendere la giurisdizione indipendente e i processi equi. Vengono arrestati insieme a 8 dei loro colleghi e stanno morendo di fame – Ebru Timtik 227 giorni e Aytaç Ünsal per 196 giorni – per ottenere giustizia per il loro caso e in generale per la loro professione e la giustizia nel paese.
Sono vicini alla morte e sono tenuti in due diversi ospedali di Istanbul contro la loro volontà. Questo dimostra che le autorità mirano ad effettuare un intervento medico forzato non appena perdono i sensi.
Nel 2017 la polizia aveva arrestato 17 avvocati, tra cui Ebru e Aytaç, in occasione della loro scelta di difendere un caso molto importante nel paese di resistenza ai lavoratori pubblici. Il governo voleva lasciare i resistenti senza avvocati, come tutte le altre persone che hanno bisogno di difesa contro l’ingiustizia del regime.
Un tribunale ha ordinato il loro rilascio nella prima udienza dopo un anno di reclusione e l’accusa è intervenuta immediatamente, la giuria è stata deputata e sostituita con un altro tribunale che è ancora in carica e continua a mettere a repentaglio la loro vita con le sue decisioni ingiuste. Quando la 37a corte d’Assise ha ricevuto questo caso, ha ordinato il riarresto di 12 di questi avvocati entro 12 ore. Sono stati condannati con un totale di 159 anni di carcere per aver fatto il loro lavoro di avvocati! Uno di loro si è beccato più di 18 anni di carcere.
Da questo momento l’ingiustizia continua. Un altro tribunale ha confermato la sentenza, gli avvocati hanno portato il caso alla Corte Suprema e gli avvocati hanno iniziato lo sciopero della fame. Ebru e Aytaç, che hanno iniziato lo sciopero della fame rispettivamente a gennaio e febbraio, lo hanno trasformato in death fast il 5 aprile (significa che moriranno di fame se la loro richiesta di un nuovo e corretto processo non sarà accettata).
Ma il governo della Turchia continua con la sua ingiustizia e vuole che muoiano. I suoi media di supporto hanno cercato di influenzare i tribunali fin dall’inizio con menzogne e notizie false su di loro.
Quando la situazione degli avvocati è diventata molto grave, un gran numero di giuristi, associazioni di avvocati internazionali e nel paese hanno spinto la Corte Suprema a prendere una decisione verso un processo equo.
Ma la Corte Suprema non fa altro che perdere tempo affinchè gli avvocati vadano sempre più incontro alla morte.
Così i loro avvocati hanno chiesto una visita medica che rilevi che non possono rimanere in prigione a causa delle loro gravi condizioni di salute. Anche in questo caso è stata la 37a Corte d’Assise ad occuparsi di questa richiesta di far esaminare i casi degli avvocati all’Istituto di Medicina Legale, il quale ha inviato un rapporto in cui si diceva che non erano idonei al carcere.
Ma il tribunale ha ignorato il rapporto. Ha continuato la detenzione e ha ordinato il loro immediato trasferimento in due diversi ospedali, dove rimangono già da un mese in una stanza di isolamento non ventilata di 12 metri quadrati sotto la supervisione di decine di gendarmi e la minaccia di essere alimentati con la forza in qualsiasi momento.
I loro colleghi, le famiglie, i clienti, gli intellettuali, gli artisti, i giornalisti, i deputati chiedono il loro rilascio e che le loro richieste siano immediatamente accettate. A livello nazionale, c’è un ingente spiegamento di polizia ogni giorno davanti ai tribunali e agli ospedali coinvolti in questo processo.
Con la loro resistenza, gli avvocati del popolo hanno accettato la loro disponibilità a sacrificare la loro vita per il bene della giustizia per il popolo e per un futuro luminoso nel Paese.
Ma il governo agisce da sordo e vuole che muoiano.
Già tre combattenti sono stati uccisi nella loro resistenza con lo sciopero della fame fino alla morte per chiedere giustizia, due dei quali erano membri del collettivo musicale rivoluzionario socialista Grup Yorum -Helin Bölek e Ibrahim Gökcek- che hanno lottato contro la repressione, gli arresti arbitrari e i divieti di concerti.
Mustafa Koçak, prigioniero politico, è morto di fame dopo 296 giorni di sciopero per la sola richiesta di un processo equo. È stato punito con l’ergastolo senza alcuna prova, sulla base di informatori della polizia e di dichiarazioni firmate sotto tortura.
In questo momento altri due prigionieri politici insieme ai due avvocati stanno portando avanti uno sciopero della fame da 180 giorni per ottenere un processo equo e per le condizioni disumane in cui sono tenuti in regime di isolamento in prigione.
Sarebbe un grande sostegno, se si potesse inviare un breve messaggio di solidarietà e di difesa della vita dei quattro scioperanti della fame Ebru Timtik e Aytaç Ünsal (avvocati dell’Ufficio Legale del Popolo e dell’Associazione dei giuristi progressisti che chiedono un processo equo e la fine degli attacchi politici alla giurisdizione) e Didem Akman e Özgür Karakaya (prigionieri politici che chiedono i loro diritti umani fondamentali).
Vi ringraziamo molto e sappiamo che la situazione in molti Paesi è grave. Tuttavia in questo caso concreto potete contribuire a mantenere in vita i nostri avvocati e prigionieri che resistono e a difendere direttamente la giustizia per il popolo.
Un caloroso saluto e solidarietà!



Check Also

Anti Imperialist Front Greece: From Premetheus to Ebru Timtik the struggle for justice is our imheritance

The great humanity says “Justice”; “An ideal we have to win” It is the ideal ...

%d blogcu bunu beğendi: