BIGtheme.net http://bigtheme.net/ecommerce/opencart OpenCart Templates
Home » Anti-Imperialist Front » DALL’ANATOLIA AGLI USA IL FASCISMO E IL RAZZISMO STANNO UCCIDENDO IL POPOLO

DALL’ANATOLIA AGLI USA IL FASCISMO E IL RAZZISMO STANNO UCCIDENDO IL POPOLO

Il 25 maggio 2020, a Minneapolis, Minnesota, USA, un uomo afroamericano di nome George Floyd è stato ucciso per strangolamento da quattro poliziotti per strada, in pieno giorno, davanti agli occhi di una dozzina di passanti. Poco prima di essere ucciso, Floyd è stato arrestato perché sospettato di aver cercato di pagare con una banconota falso in un negozio vicino. Dai video pubblicati sui social network si evince chiaramente che la polizia ha usato la tortura e l’uso eccessivo della forza contro di lui. Sulla base di precedenti casi simili di omicidi da parte della polizia, possiamo dire che questo omicidio è razzista, come conseguenza dell’impunità e della mancanza di giustizia per crimini simili commessi nel corso degli anni, sia da agenti di polizia e rappresentanti di altre forze dell’ordine, sia da parte di assassini di massa aderenti a idee fasciste e razziste.

Questo omicidio non può essere ridotto alle azioni di un singolo agente di polizia, o di un gruppo di agenti di polizia, o anche alle azioni di un intero dipartimento di polizia. L’assassinio di George Floyd è un prodotto del sistema imperialista-capitalista, che attraverso tutte le sue componenti – tribunali, polizia, sistema sociale, sistema sanitario, istituzioni educative – crea disuguaglianze instillando e incitando alla segregazione per motivi razziali, sociali e religiosi, fascismo e razzismo. Questo è particolarmente accentuato nel settore delle forze dell’ordine, dove gli agenti di polizia e il personale militare seguono una formazione ideologica, trasformandoli in macchine assassine piuttosto che in agenti delle forze dell’ordine, molto meno difensori della vita e della salute umana.

Il razzismo e il fascismo fanno parte del sistema capitalistico fin dalla sua nascita. Si sono intensificati maggiormente durante i periodi di crisi generale dell’imperialismo e del capitalismo e sono stati usati come mezzo per superare questa crisi. Dividendo i popoli per motivi razziali, etnici, nazionali e religiosi, gli imperialisti e i loro lacchè si mettono l’uno contro l’altro, causando loro migliaia di sofferenze e, in ultima analisi, occupando e sfruttando i loro paesi. Esempi di questo negli ultimi 29 anni si possono trovare in Jugoslavia, Afghanistan, Iraq, Libia, Siria, Ucraina, e in tutti gli altri paesi del mondo dove i capitalisti sono al potere.

Queste tendenze riguardano direttamente anche i popoli dei paesi – metropoli imperialiste come gli Stati Uniti. Lì, negli ultimi anni, e soprattutto dall’ascesa al potere dell’attuale presidente Donald Trump, c’è stato un significativo aumento dei sentimenti razzisti e fascisti, con bande fasciste armate che hanno manifestato apertamente le loro idee e hanno organizzato e attirato nuovi sostenitori. Esse commettono anche molti crimini, tra cui uccisioni singole e di massa di persone, per lo più di comunità afroamericane, latinoamericane e di persone di diverse razze, comunità di immigrati, ma anche di varie religioni e di fasce povere della società.

A tutto questo si aggiungono la non punizione, la giustificazione, il patrocinio e persino l’incoraggiamento aperto dei funzionari di polizia e di altre forze dell’ordine, così come dei sostenitori del fascismo e del razzismo, a commettere i loro crimini. In tutti i casi più noti di omicidi commessi da agenti di polizia apertamente razzisti, nessuno dei colpevoli è stato perseguito per le sue azioni, e anche alcuni di quelli che sono stati processati o indagati per i loro crimini, alla fine sono stati assolti. Questo ha creato e continua a causare ingiustizia, che a sua volta ha portato all’accumulo di rabbia e dolore, sia nelle famiglie e negli amici degli uomini e delle donne uccisi dalla polizia e dalle bande fasciste, sia nella società nel suo complesso.

Possiamo dire che queste ingiustizie accumulate nel corso degli anni, così come le disuguaglianze causate dal capitalismo, che ancora una volta si sono manifestate con la crisi causata dalla pandemia del coronavirus, hanno portato alle proteste di massa di oggi in molte città americane e ai disordini di Minneapolis. Si potrebbe dire che l’assassinio di George Floyd è stata l’ultima goccia e ha acceso la scintilla della rivolta. La rabbia della gente è completamente giustificata perché quando l’ingiustizia è imposta come norma, la resistenza ad essa è completamente legittima e giusta.

Nel frattempo, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha iniziato a minacciare le persone che protestavano contro il razzismo e l’impunità della polizia. Le proteste in molte grandi città degli Stati Uniti sono state brutalmente attaccate dalla polizia, con filmati che circolano nei media e sui social network, mostrando la gente che viene torturata per le strade. Tutto questo non avviene in un paese neocoloniale, ma negli Stati Uniti, un paese la cui classe dirigente spesso critica e minaccia paesi che sono a disagio con i suoi interessi per aver usato la violenza della polizia contro i manifestanti, che nella maggior parte dei casi sono mercenari che hanno venduto l’anima e il corpo all’imperialismo per 20 centesimi. Un Paese che si permette di insegnare al mondo lezioni di “democrazia e diritti umani” dichiara lo stato di emergenza e invia truppe contro i suoi cittadini. Questo ci mostra ancora una volta il vero volto degli imperialisti e dei loro lacchè, ipocriti che farebbero di tutto se i loro interessi fossero toccati.

Oggi, coloro che affermano di non essere colpiti dal razzismo e dal fascismo, dalle disuguaglianze e dalle ingiustizie create dal sistema imperialista-capitalista, sono o ingenui o persone che hanno completamente perso ogni legame con la realtà.

Le ingiustizie ci colpiscono tutti, in un modo o nell’altro, in una forma o nell’altra, in ogni paese del mondo sono presenti oggi più che mai, questo è ancora più chiaro durante la continua crisi causata dalla pandemia del coronavirus.

Pertanto, gli sforzi di tutti coloro che si definiscono progressisti, di sinistra, socialisti, socialisti, marxisti, comunisti, ecc. devono essere finalizzati alla creazione e all’unione di tutti i popoli della classe operaia, tutti oppressi contro il nemico comune, l’imperialismo e i suoi lacchè. Solo unendo i nostri sforzi possiamo opporci al nostro nemico comune. Solo le persone che ne sono vittime possono porre fine al razzismo, al fascismo, all’imperialismo e al capitalismo. Ma per non essere più vittime, ma distruttori del nostro nemico comune e dei mali da esso creati, dobbiamo unirci e combattere con tutti i metodi e i mezzi.

Nel suo ultimo colloquio con i suoi parenti, il nostro compagno prigioniero politico Mustafa Koçak, martire alle 22:50 (ora locale) del 23 aprile 2020, il 296° giorno dello sciopero della fame fino alla morte per chiedere giustizia, ha detto: “Non riesco a respirare!”

Nei suoi ultimi istanti, mentre veniva pressato dai poliziotti assassini a terra, George Floyd disse: “Non riesco a respirare!”

Dall’Anatolia all’America, il razzismo e il fascismo stanno uccidendo i popoli! La giustizia è necessaria per tutti noi, proprio come l’aria, l’acqua, il sole e il pane. Così come non possiamo vivere senza di loro, non possiamo vivere senza giustizia.

Giustizia per George Floyd!

Gli assassini non devono restare impuniti!

Uniamoci e combattiamo contro l’imperialismo e il fascismo dei nostri nemici comuni!

 



Check Also

Police Attack March Against Mike Pompeo in Athens

Police attacked a march in Athens, the Greek capital, on Monday (September 28th) protesting against ...

%d blogcu bunu beğendi: