BIGtheme.net http://bigtheme.net/ecommerce/opencart OpenCart Templates
Home » Anti-Imperialist Front » Mustafa Koçak è ora un simbolo di giustizia e onore

Mustafa Koçak è ora un simbolo di giustizia e onore

Mustafa Koçak è immortale!

Lunga vita al resistente del death fast!

24 aprile 2020

Helin si è sciolta, cellula per cellula, per cantare liberamente le sue canzoni davanti ai nostri occhi ed è diventata immortale, è diventata una canzone.

Mustafa resistette per la GIUSTIZIA, per l’ONORE, da 297 giorni in sciopero della fame, chiedendo CHE LA SUA RICHIESTA DI GIUSTIZIA VENISSE SODDISFATTA … divenne immortale con onore nelle prime ore del mattino del 24 aprile, diventando un simbolo della ricerca di giustizia.

Il nostro popolo ha fame di giustizia! Il nostro popolo è in preda alla disperazione e all’ingiustizia imposta dall’imperialismo e dal suo collaboratore, il governo fascista dell’AKP…..

Mustafa e Helin dimostrano al nostro popolo che non siamo disperati e senza mezzi di difesa. Dimostrano che resistendo, combattendo contro chi ci impone ingiustizie, combattendo, possiamo distruggere l’ordine ingiusto, e dobbiamo distruggerlo.

Mustafa Koçak era un povero figlio del popolo di 28 anni. Ha vissuto tutta la vita con onore, amore per il popolo e per il Paese. Hanno cercato di imporgli il disonore. Hanno cercato di costringerlo a fornire false testimonianze contro altri sotto tortura, minacciando persino di stuprare la sorella incinta. Nonostante tutte queste torture e minacce, ha mantenuto la sua dignità e non è diventato un collaboratore.

Il fascismo dell’AKP nel processo contro il procuratore Mehmet Selim Kiraz voleva vendicarsi per il resoconto presentato al fascismo da Combattenti per la liberazione del Popolo, perché il fascismo aveva ignorato le richieste di giustizia nel caso di Berkin Elvan, e fu Mustafa che il fascismo prese di mira per vendicarsi. I combattenti per la liberazione del Popolo hanno chiesto di “rivelare gli assassini di Berkin” e hanno preso in ostaggio il procuratore. Piuttosto che rivelare gli assassini, preferì proteggerli e ignorare il suo procuratore.

Il governo fascista, incapace di risolvere in qualche modo la situazione degli ostaggi del procuratore, ha scelto di sacrificare i figli del popolo per proteggere il suo prestigio e vendicarsi. Prima ha cercato di far sì che Mustafa si trasformasse in un informatore e firmasse dichiarazioni false. Dopo non essere riusciti a farglielo accettare nonostante la sua tortura, questa volta hanno preso una dichiarazione da Berk Ercan, un collaboratore, che denunciava Mustafa, e lo hanno imprigionato. E sulla base di quella sola testimonianza, hanno dato a Mustafa una condanna all’ergastolo con l’aggravante della pena detentiva di più di 42 anni. Un altro confessore ha informato il tribunale che gli era stato fatto firmare delle dichiarazioni false sotto tortura, ma il tribunale non ne ha tenuto conto.

La dichiarazione del testimone che ha portato alla condanna di Mustafa consisteva nella frase “Mustafa me l’ha detto nel negozio di kebab”. Non c’erano altre prove. Nel corso del processo, tutte le richieste della difesa sono state negate e tutto ciò che era a favore di Mustafa è stato ignorato.

Mustafa non si inchinò al disonore della tortura né si inchinò a questa ingiustizia. Ha iniziato la sua resistenza con il death fast dicendo: “Voglio giustizia”.

Iniziò il suo sciopero della fame solo per il diritto a un giusto processo, solo per un’udienza riguardante il testimone che aveva mentito su di lui. Giorno dopo giorno, ha resistito con onore.

Non ascoltando le sue richieste, il fascismo dell’AKP, temendo la forza della resistenza che ha guidato la richiesta di GIUSTIZIA, ha usato l’alimentazione forzata su Mustafa. Temeva per l’effetto che la richiesta di GIUSTIZIA avrebbe avuto sul popolo, che il popolo avrebbe resistito per la giustizia, che questo avrebbe portato alla fine del suo mandato… Per impedirlo, hanno compiuto gli attacchi più selvaggi, più depravati e disonesti. Rapirono Mustafa dalla prigione dove si trovava e lo ammanettarono al letto per la gola e le braccia. Gli hanno messo un tubo endovenoso nelle braccia 73 volte, con le vene che gli scoppiavano. Come se questo non bastasse, è stato oggetto di uno stupro con un manganello. Tutte queste torture e depravazioni sono state commesse dalla polizia fascista dell’AKP, dal procuratore, dal direttore della prigione, dalle guardie e dai medici di Mengele che hanno calpestato l’onore della loro professione. Mustafa ha resistito a queste torture
per quattro giorni e ha mantenuto il suo onore. Ha sopraffatto i torturatori con la forza guadagnando rettitudine e legittimità, e ha continuato a dire che Voleva GIUSTIZIA.

Mentre resisteva con il suo corpo di 29 chili, la sua famiglia, i suoi avvocati, i suoi compagni e il nostro popolo hanno cercato in tutti i modi di far sentire la loro voce, di fare pressione sul fascismo e di soddisfare la richiesta di Mustafa. La sua famiglia è diventata la sua voce ogni giorno in cui è stato detenuto. Gli avvocati del popolo hanno chiesto a tutte le autorità di soddisfare la richiesta di Mustafa ogni giorno, e hanno presentato petizioni ogni giorno. I suoi compagni e il nostro popolo sono stati la sua voce e la sua richiesta di giustizia in Turchia e in tutto il mondo.

Mustafa ha resistito giorno dopo giorno con il suo corpo che si scioglieva, nonostante tutte le sue sofferenze… Senza fiato… “Cosa ci fanno questi dolori, questi tormenti; ci rimane il nostro onore”, disse con il suo ultimo respiro, immortalato.

Mustafa Koçak è oggi un simbolo di giustizia e di onore…

Mustafa Koçak per la giustizia, per l’onore portato avanti giorno per gioerno, cellula per cellula si è sciolto ed è caduto martire…

Ibrahim Gökçek, membro del Grup Yorum, Didem Akman e Özgür Karakaya, gli avvocati del popolo Ebru Timtik e Aytaç Ünsal continuano la loro resistenza con il death fast. Anche loro vogliono giustizia, vogliono cantare liberamente le loro canzoni.

Sta a noi tenerli in vita!

Fermiamo l’ingiustizia del fascismo, accogliamo le richieste dei nostri resistenti, rafforziamo la loro resistenza!

La solidarietà è l’arma del popolo, costruiamo la nostra solidarietà!

Fronte Anti-Imperialista
People’s Front, Greece



Check Also

VITTORIA DELLO SCIOPERO DELLA FAME DEL PRIGIONIERO POLITICO ŞADİ NACİ ÖZPOLAT

Il nostro compagno Şadi Naci Özpolat, membro del Fronte del Popolo, prigioniero politico nel carcere ...

%d blogcu bunu beğendi: