BIGtheme.net http://bigtheme.net/ecommerce/opencart OpenCart Templates
Home » People's Front » News » Il rivoluzionario Şadi Naci Özpolat è al terzo giorno dello sciopero della fame
Atina

Il rivoluzionario Şadi Naci Özpolat è al terzo giorno dello sciopero della fame

Il 19 marzo, nella capitale greca di Atene Şadi Naci Özpolat e i suoi 25 compagni sono stati arrestati con la tortura durante l’operazione contro i rivoluzionari. La notte del 19 marzo 15 compagni sono stati rilasciati e 11 rivoluzionari turchi sono stati arrestati la mattina del 24 marzo. Dopo i loro arresti, sono stati trattenuti per giorni nelle sedi della polizia, usando il Coronavirus come scusa, e poi spediti in prigioni situate in diverse parti della Grecia. La polizia greca e i servizi segreti li hanno torturati e tenuti in manette dal giorno dell’operazione e hanno attaccato i rivoluzionari con pesanti torture. Hanno messo a terra i veterani del death fast e li hanno ammanettati con le braccia dietro la schiena e hanno sbattuto le loro teste sulle automobili. Non c’era limite alle parolacce, agli insulti e ai calci. Durante l’operazione hanno premuto la pistola che si chiama flashbang, che usano nelle operazioni, contro di loro e il nostro compagno İsmail Zat è stato temporaneamente privo di sensi e il suo braccio ha subito un’ustione; nello stesso tempo il nostro compagno Halil Demir è stato colpito nell’occhio e ha avuto una paralisi parziale sul viso. I nostri compagni che sono stati portati in prigione sono stati intimiditi e torturati, dicendo “Qui non conosciamo prigionieri politici”, ed è stata imposta la tortura.
I prigionieri rivoluzionari hanno resistito a questi atteggiamenti arbitrari e immorali. Şadi Naci Özpolat non ha accettato questi i dettami illegali, ha chiesto indietro il suo cappotto e ha dichiarato di essere un prigioniero politico. In cella lo hanno torturato e dato dei calci, mentre gli portavano via gli effetti personali, compreso il cappotto. Şadi Naci Özpolat ha iniziato questo sciopero della fame a causa di questa perquisizione violenta e contro la tortura.

Şadi Naci Özpolat, che dal 27 marzo è in sciopero della fame, oggi, 29 marzo è al suo terzo giorno. I prigionieri liberi non hanno compromesso la loro identità politica ovunque nel mondo, sono rivoluzionari: la professione più onorevole del mondo e la speranza della liberazione dei popoli. Essere rivoluzionario è un imperativo storico e politico, legittimo e corretto.

Da anni in Grecia, i nostri compagni sono stati arrestati e sono stati detenuti nelle loro prigioni. Dal 2011, le case e le istituzioni dei rivoluzionari sono state regolarmente saccheggiate, seviziate, torturate e sequestrate. Le carceri greche e lo Stato conoscono i prigionieri del Fronte del Popolo e conoscono la loro identità politica. Le carceri greche e quelle fasciste turche, non fanno differenza e dicono: “non riconosciamo la vostra identità politica in carcere per coloro che sono stati arrestati”. Se fai il rivoluzionario, diventi il bersaglio dell’imperialismo e dei loro Stati collaborativi in qualsiasi parte del mondo. I prigionieri del Fronte del Popolo continuano la loro tradizione di resistenza nelle carceri in Turchia e in Europa e non accettano attacchi disonorevoli. I paesi sono diversi, gli attacchi e le torture sono le stesse. Una resistenza di 7 anni è stata organizzata per la prigionia politica. I servitori dell’imperialismo non possono attaccare i rivoluzionari e le loro identità,

I figli di Manukyan, che sono sotto il giogo dell’imperialismo, non possono segnare i terroristi sul volto dei popoli. Il vero terrorista è l’imperialismo americano, che uccide 140.000 persone con le bombe atomiche, sono gli imperialisti che hanno assassinato i diritti dei Paesi che sono le vere colonie terroristiche e aprono i musei dai teschi. Vogliamo la libertà per Şadi Naci Özpolat e i 10 prigionieri rivoluzionari, Şadi Naci Özpolat ha lottato per l’indipendenza del suo popolo in Turchia ed è un rivoluzionario pieno d’amore per il popolo e per la patria. È un rivoluzionario che lotta contro l’imperialismo. La tortura su Şadi Naci Özpolat deve essere fermata e le sue richieste devono essere accettate.

Vinceremo resistendo

Fronte del Popolo – Grecia



Check Also

The new song if Grup Yorum “If I remain Silent” has been released..

The new song if Grup Yorum “If I remain Silent” has been released..

%d blogcu bunu beğendi: