BIGtheme.net http://bigtheme.net/ecommerce/opencart OpenCart Templates
Home » Internatıonal News » Spagna e Coronavirus: il capitalismo non può soddisfare le esigenze del popolo

Spagna e Coronavirus: il capitalismo non può soddisfare le esigenze del popolo

La pandemia in Spagna ha raggiunto un numero di morti superiore a quello di Wuhan, in Cina, in cifre assolute. È dietro solo l’Italia. Come mai un Paese ricco membro del nucleo imperialista è stato colpito in modo così grave? Ciò che i sostenitori del mercato libero e non regolamentato non riescono a vedere, volutamente o meno, è diventato chiaro a tutti coloro che non chiudono gli occhi sul fatto che decenni di politiche neoliberali danno priorità all’accumulazione di capitale e poi alle vite umane: il capitalismo globale non è in grado di affrontare una situazione emergente che pone un dilemma “o si salvano vite umane e si sacrificano profitti, o si sacrificano vite umane per salvare la ricchezza e il potere dell’oligarchia”.

La Spagna è uno dei paesi membri dell’UE con il più basso investimento statale in servizi pubblici come la sanità. In effetti, i governi precedenti hanno attuato attivamente politiche neoliberali a scapito della sanità pubblica e a vantaggio della sanità privata. Durante questo processo, l’infrastruttura sanitaria pubblica ha subito grandi ostacoli e l’insufficienza per affrontare anche situazioni normali. Aspettare dai 3 ai 6 mesi per un appuntamento con uno specialista, un intervento chirurgico o qualsiasi altro problema, cliniche sovraffollate e mancanza di personale medico è tutt’altro che insolito. Qual è stata la risposta dei populisti di destra di fronte a questa situazione che loro stessi hanno creato? Incolpare i clandestini perché non contribuiscono al bilancio dello Stato, ma ottengono servizi pubblici gratuitamente.

Di fronte a una pandemia il quadro diventa ancora più terrificante: persone sdraiate sulle coperte sul pavimento degli ospedali, che muoiono sulle sedie, che aspettano in agonia in sala d’attesa, e personale medico che si sacrifica a causa dei mezzi di protezione non appropriati. L’ironia di questa situazione è che gli ospedali privati che la propaganda neoliberale vuole farci credere superiori per qualità dei servizi offerti, sono incapaci di affrontare lo scoppio del virus. L’ironia del destino è che uno dei maggiori sostenitori della privatizzazione e della distruzione della sanità pubblica, l’ex presidente della Comunità di Madrid, Esperanza Aguirre, ha sofferto dell’infezione da coronavirus e ha dovuto essere ricoverato nell’ospedale pubblico che ha contribuito a rovinare.

Ma non è solo a livello locale che le politiche neoliberali hanno causato il naufragio. La logica del capitalismo globale ha causato una nuova divisione internazionale del lavoro spostando la produzione dal nucleo imperialista verso i paesi periferici, o il cosiddetto Sud globale, per ottenere più profitto dal sovrasfruttamento dei lavoratori sottopagati e oppressi – o, come viene definito dai media, per guadagnare “competitività”. La conseguenza principale di ciò è che nessuna delle attrezzature necessarie viene prodotta localmente nei paesi imperialisti colpiti. Sono costretti a importarle dal Sud del mondo, in particolare dalla Cina. Questa situazione mostra il vero volto della concorrenza inter-imperialista, in cui i singoli Paesi si sabotano a vicenda per rifornire le scorte di ventilatori, maschere e attrezzature di protezione.

Anche ora sembra che l’oligarchia non abbia imparato. Invece di salvare vite umane, si stanno concentrando sull’aiutare le grandi imprese ad alleviare il peso del crollo del mercato e del blocco economico. Non hanno il problema di iniettare milioni di dollari nelle banche e nei licenziamenti temporanei, ma ritengono comunque che gli investimenti nella sanità pubblica siano costosi. Il governo esita ad attuare misure che danneggerebbero l’economia e quindi quelle che hanno adottato sono parziali, insufficienti e tardive. Quanto tempo ci vorrà per uscirne? Due mesi, quattro mesi? Non è chiaro. Quello che è chiaro è che una volta finita, le cose non saranno più le stesse. Possiamo aspettarci profondi cambiamenti sociali e disordini civili. Chi prenderà il comando, è ancora una questione aperta.



Check Also

Police Attack March Against Mike Pompeo in Athens

Police attacked a march in Athens, the Greek capital, on Monday (September 28th) protesting against ...

%d blogcu bunu beğendi: