BIGtheme.net http://bigtheme.net/ecommerce/opencart OpenCart Templates
Home » Anti-Imperialist Front » LA RESISTENZA DI MUSTAFA CONTINUA DOPO LE TORTURE

LA RESISTENZA DI MUSTAFA CONTINUA DOPO LE TORTURE

La resistenza di Mustafa Koçak è continuata con il death fast (Sciopero della fame fino alla morte o fino a quando le sue richieste non vengano accettate) nella prigione di Sakran (Smirne, Turchia occidentale) . Trasferito il 13 marzo all’ospedale della stessa prigione per l’alimentazione forzata, non si è arreso e ha continuato la sua lotta contro l’ingiustizia.
La sua famiglia e i suoi avvocati si sono riuniti davanti alla prigione per assicurarsi che le autorità non gli facessero del male con un intervento di alimentazione forzato. Ieri sera è stato trasportato in ambulanza nella prigione di tipo F Kiriklar n. 1 di Smirne senza che la famiglia venisse informata.
TORTURA A SAKRAN:
Ora, dopo che ha potuto parlare con il suo avvocato, la brutalità della tortura che hanno fatto a Mustafa a Sakran è stata resa pubblica:
Ha detto di aver resistito all’alimentazione forzata e alla tortura per 5 giorni.
– Gli sono state sparate 73 bottiglie di siero… – Il braccio di Mustafa è pieno di ematomi… – Anche la sua testa è stata colpita perché ha cercato di rimuovere il siero con i denti… – È stato fissato con 8 manette in tutto il corpo… Gli hanno messo qualcosa in bocca per impedirgli di gridare… – La sua testa e il suo corpo erano legati con delle corde – Gli hanno detto: “Ti paralizzeremo e ti lasceremo andare” – Mustafa ha detto che erano presenti molti ufficiali dei servizi segreti, così come i medici, il procuratore del carcere e il direttore del carcere. Ha detto che tutti hanno assistito a quanto accaduto e che di tanto in tanto si sono anche uniti per aiutare nella tortura. Non gli era permesso di andare in bagno, era costretto a urinare su se stesso, e non veniva lavato.- Veniva maltrattato sessualmente, mettendogli un manganello nell’ano.- Veniva insultato, offeso, maltrattato.- Quando cercava di togliersi il siero, glielo mettevano sulle gambe con la forza.- E poi lo torturavano psicologicamente con le risate e dicendo: “Oh, ti sei svegliato, ti senti bene ora, vero Mustafa?”
Mentre usavano tutti quei crimini di tortura, ai suoi avvocati e alla sua famiglia è stato impedito di vederlo con la scusa che il suo sistema immunitario era troppo debole e che poteva essere un rischio per lui rimanere in cella a causa del coronavirus!
Mustafa ha un messaggio per noi: “Continuerò la mia resistenza. Le vene che mi hanno rotto sono il mio onore!”
PERCHÉ MUSTAFA KOCAK RESISTE?
È stato condannato all’ergastolo, solo a causa di una dichiarazione, che è stata firmata sotto tortura dalla polizia e che è stata persino ritratta in seguito! Tutto ciò che vuole è un processo equo! Tutte le notizie attuali sul caso sono pubblicate sul nostro account Facebook Anadolu Newsblog e su Twitter del gruppo di solidarietà #FreeGrupYorum.



Check Also

Police Attack March Against Mike Pompeo in Athens

Police attacked a march in Athens, the Greek capital, on Monday (September 28th) protesting against ...

%d blogcu bunu beğendi: