BIGtheme.net http://bigtheme.net/ecommerce/opencart OpenCart Templates
Home » Anti-Imperialist Front » IL PROCESSO RIVOLUZIONARIO, I COLLABORI DEI NEGOZIATI DI PACE E LE UCCISIONI EXTRAGIURISDIZIONALI A NOME DELLA “GUERRA SULLA DROGA” NELLE FILIPPINE

IL PROCESSO RIVOLUZIONARIO, I COLLABORI DEI NEGOZIATI DI PACE E LE UCCISIONI EXTRAGIURISDIZIONALI A NOME DELLA “GUERRA SULLA DROGA” NELLE FILIPPINE

Il Fronte antimperialista ha intervistato ILPS sul processo rivoluzionario, sul crollo dei negoziati di pace e sulle esecuzioni extragiudiziali in nome della “guerra alla droga” nelle Filippine.

AIF: Prima di tutto vogliamo ricordare i colloqui di pace nelle Filippine, che si sono svolti nell’agosto 2016 e sono proseguiti per circa 7 mesi. I principali temi di questi colloqui avviati dal Partito comunista delle Filippine sono stati la discussione e l’accordo sulle riforme costituzionali, politiche e socio-economiche, inclusa la distribuzione gratuita della terra ai contadini senza terra, così come l’Accordo globale sul rispetto dei diritti umani e del diritto umanitario internazionale (CARHRIHL).

ILPS Austria: Nel corso di questi colloqui il governo filippino ha proposto un cessate il fuoco bilaterale tra le due parti alla fine di febbraio 2017.

Ma il governo ha minacciato di porre fine al cessate il fuoco, ogni volta che l’NPA ha reagito agli attacchi delle Forze armate delle Filippine (AFP), della Polizia nazionale filippina (PNP) e delle forze paramilitari (comprese le agenzie di sicurezza private e i gruppi di vigilanti).

Il governo di Duterte ha completamente ignorato le proposte del NDFP e ha chiuso i negoziati di pace, accusando il NDFP di insincerità nei negoziati di pace, accusandolo di continuare il conflitto armato rivoluzionario e iniziando a diffondere la propaganda volta a preparare l’opinione pubblica alla proclamazione della legge marziale in tutto il Paese.

La popolazione povera delle Filippine si trova di fronte a una nuova violenza di Stato, la “guerra alla droga”. Le leggi dello Stato di emergenza autorizzano la polizia nazionale e i militari a giustiziare qualsiasi persona sospettata di spaccio o consumo di droga. Le organizzazioni per i diritti umani parlano di 27.000-30.000 persone giustiziate in via extragiudiziale da questa politica negli ultimi anni.

AIF: Può dirci qualcosa di più su questo?

ILPS Austria: Ora, con la campagna del presidente Duterte chiamata “Guerra alla droga”, ci si aspetta che un numero maggiore di persone muoia a causa di esecuzioni extragiudiziali. Il “Oplaan Double Barrer” (programma di contro-insurrezione dei militari) si rivolge ai poveri della comunità in nome della “guerra alla droga”. La campagna “guerra alla droga” continuerà a uccidere e a colpire molte più persone e anche attivisti politici.

Lo scopo di questa politica è di mettere a tacere il popolo per protestare contro la dittatura. Vogliono che tutti gli attivisti politici vadano in prigione. Ora gli attivisti politici non possono parlare senza essere presi di mira e mandati in prigione senza carcere. I complotti della polizia, così come il mettere le armi nella borsa o nell’auto dei militanti politici sono usati come metodi frequenti per portarli in prigione.

AIF: Qual è l’approccio del movimento comunista nelle Filippine a queste gravi violazioni dei diritti umani? Se c’è, ha già avuto successo nella campagna?

ILPS Austria: I casi di violazione dei diritti umani sono meticolosamente e accuratamente documentati ed esposti il più tempestivamente possibile. Le ricorrenze nel tempo e nello spazio vengono analizzate nel contesto e presentate alla popolazione, alle istituzioni pubbliche locali e internazionali.

Per affrontare i problemi di base e di propaggine del Paese, il Partito, l’esercito del popolo e le altre forze rivoluzionarie esistono e operano su scala nazionale e in profondità attraverso la clandestinità e il radicamento nelle campagne. Le forze nemiche non hanno la conoscenza precisa e la capacità di attaccare e distruggere le forze rivoluzionarie in una sola volta anche sotto la legge marziale e la dittatura fascista. Sono suscettibili di derubare, rapire, torturare e uccidere molte persone, come stanno già facendo su larga scala.

Il Partito ha una forte base per la fiducia nella conquista di maggiori vittorie sul campo di battaglia. Quanto più il regime USA-Duterte dispiega e sovraccarica le sue forze militari, di polizia e paramilitari contro l’NPA, tanto più renderà queste forze disponibili per le offensive tattiche dell’NPA e fornirà all’NPA l’opportunità di sequestrare armi e altri rifornimenti da queste forze.

AIF: Quali sono le sue idee per estendere la solidarietà con la lotta nelle Filippine? Come potremmo unirla alla nostra lotta?

ILPS Austria: Cinquantuno anni dopo la fondazione dell’esercito maoista, la lotta non è finita, la storia fa il suo corso. Ed è ora di iniziare un nuovo capitolo, con la solidarietà che assume un ruolo speciale.

È importante trovare un equilibrio tra la ricerca della propria lotta e la solidarietà verso gli altri. Insieme dobbiamo agire – qui e ora.

La tecnologia digitale permette di connettersi rapidamente. Ma è la solidarietà, la solidarietà a diversi livelli che utilizza piattaforme multiple, che ha il potere di far avanzare le nostre lotte locali.

È per questo motivo che invitiamo tutti i movimenti anti-imperialisti e democratici alla Lega Internazionale della Lotta dei Popoli (ILPS). L’ILPS è un’organizzazione internazionale fondata nel maggio 2001 a Zutphen, nei Paesi Bassi, che cerca di rafforzare lo spirito di solidarietà attraverso un’azione concreta e coordinata.

AIF: Ci sono interessanti esempi di lotta contro la droga da parte del movimento socialista, ad esempio in Turchia, che sono presi di mira dallo Stato perché vogliono creare alternative e guarire le persone dalla tossicodipendenza istituendo centri di cura. Già un paio di persone, come Hasan Ferit Gedik, sono state uccise da bande protette dalla polizia, a causa della loro lotta attiva contro la droga. La gente viene arrestata ecc.

Come valutate il problema della droga come rivoluzionari e comunisti? Quali metodi di lotta possiamo trovare a breve termine per risolvere il problema della droga, quando la soluzione a lungo termine è la giustizia sociale, la fine della povertà? Come possiamo aiutare le persone a socializzare ed essere parte della società?

ILPS Austria : Anche noi vediamo il problema della droga in un contesto più ampio. La nostra risposta dovrebbe essere olistica e affrontare le questioni mediche, psicologiche, sociali, economiche e legali correlate a livello individuale, familiare, comunitario e nazionale. I primi dettagli in merito sarebbero stati discussi nell’ambito delle trattative sul CASER. Siamo con i Rise Up nei loro obiettivi, come ad esempio:

Unirci nelle analisi sulle radici del commercio illegale globale di droga e della tossicodipendenza nelle Filippine e promuovere approcci alternativi alla minaccia della droga.
Esporre il grande pericolo delle esecuzioni extragiudiziali e della cosiddetta giustizia vigilante nel rafforzare la cultura dell’impunità prevalente, e forgiare la solidarietà e l’unità tra i sostenitori e le famiglie delle vittime per la giustizia e il rispetto della vita e della dignità.



Check Also

A Ten Metre Banner Hoisted For Victory March In Greece

The People’s Front in Greece hoisted a large banner 10 metres long in Propilia Square ...

%d blogcu bunu beğendi: