BIGtheme.net http://bigtheme.net/ecommerce/opencart OpenCart Templates
Home » Analysis » Il massacro di Hanau: gli effetti delle politiche scioviniste e xenofobe

Il massacro di Hanau: gli effetti delle politiche scioviniste e xenofobe

Il fascismo è un crimine, non un’opinione. Il fascismo è disumano. Il fascismo è un male che deve essere sradicato. Qualsiasi blocco o fronte che non miri a rovesciare il fascismo è destinato a rimanere entro i limiti del nuovo ordine mondiale e a soffocare entro il limite dell’ordine.

Ogni massacro, ogni attacco terroristico e ogni omicidio nel mondo è firmato dal fascismo e dall’imperialismo.

Quello che è successo da Hanau, in Germania, è solo l’ultima manifestazione di questa ideologia che colpisce e si diffonde senza alcun filtro o limite legislativo. Tobias Rathjen, un tedesco di 43 anni, è entrato in due diversi caffè della città frequentati soprattutto da cittadini di altri Paesi extraeuropei, aprendo il fuoco.

Poi è tornato a casa, ha ucciso la madre e si è suicidato. Bilancio provvisorio: 11 morti e diversi feriti.

Tra le vittime, tutte di origine straniera, ci sono soprattutto turchi e curdi. Secondo i media, l’assalto nei due caffè è stato compiuto da un uomo affetto da una grave malattia psichica, ma aveva il porto d’armi e simpatizzava apertamente con le frange neonaziste, incitava all’odio razziale sui social media e l’anno scorso ha scritto un manifesto in cui chiedeva la distruzione totale della maggior parte dei Paesi del Nord Africa e del Medio Oriente.

Dopo il massacro, una nota trovata in casa sua diceva: “Arabi e turchi musulmani devono essere sterminati”.

Il massacro fa parte di un’inquietante tendenza alla prosperità di violenti attacchi fascisti e razzisti.

Ma non potrebbe essere altrimenti, perché ci sono (non solo in Germania) partiti di estrema destra come l’Alternative für Deutschland (Alternativa per la Germania, Afd), che alimentano indisturbate tensioni razziali.

Nel cuore dell’Europa crescono le frange neonaziste. Come al solito, i nazifascisti vengono descritti come “matti”, ma solo dopo che hanno fatto stragi o ammazzato qualcuno, i fatti però ci dimostrano che questa tendenza sta emergendo anche dentro gli apparati statali – in particolare nella polizia e nell’esercito – con l’appurata creazione di cellule neonaziste. [1]

Mentre la criminalizzazione, la repressione, la persecuzione e il ricatto della sinistra, gli antifascisti, soprattutto i migranti politici organizzati di sinistra, sono in aumento, i nazisti e i gruppi di estrema destra e le persone ad essi collegate possono muoversi liberamente e sono stati nuovamente messi in grado di uccidere persone innocenti.

Le idee razziste, discriminatorie e fasciste non possono essere messe sullo stesso piano di quelle del movimento antifascista. Il fascismo è un crimine, è un dovere umano combattere!

LIBERTÀ PER TUTTI I PRIGIONIERI POLITICI, CHE VENGONO ACCUSATI E ARRESTATI PER LE LORO IDEE ANTIFASCISTE, ANTIMPERIALISTE E ANTIFASCISTE E PER LA DIFESA DELLA LOTTA PER LA LIBERTÀ!

Il Fronte antimperialista esprime le sue condoglianze alle vittime del massacro xenofobo e fascista avvenuto ad Hanau, in Germania, il 19 febbraio 2020. Attacchi come questo non sono che l’espressione più acuta del crescente fascismo in Germania e in Europa, spesso espresso alle urne nelle votazioni per i partiti di estrema destra.
Ciò avviene anche in un contesto di apatia ufficiale per gli omicidi fascisti, soprattutto in Germania, e di tendenza a vederli come atti di singoli pazzi. Come ha osservato Patrik Köbele, presidente del DKP (Partito comunista tedesco), i bidoni dell’immondizia che si presume siano stati incendiati dalla sinistra sono posti sullo stesso piano degli omicidi fascisti.
Il Fronte antimperialista chiede la massima unità d’azione possibile tra le forze antifasciste per affrontare l’ondata fascista, di cui questi omicidi sono solo l’ultimo esempio.

Fronte Anti-Imperialista

[1] Poco tempo fa, a Francoforte, cinque poliziotti sono stati sospesi con l’accusa di appartenere a una rete neonazista: avevano minacciato via fax di massacrare la figlia di due anni dell’avvocato turco Seda Basay-Yildiz.



Check Also

Action in front of the hospital for the death fasting lawyers

The uncle of Ebru Timtik, Yildirim Deniz, who spoke in the action organized by the ...

%d blogcu bunu beğendi: