BIGtheme.net http://bigtheme.net/ecommerce/opencart OpenCart Templates
Home » Anti-Imperialist Front » DECLARATIONS » Peoples Law Office International Bureau on lawyers in prison (ENG-IT)

Peoples Law Office International Bureau on lawyers in prison (ENG-IT)

February 03, 2021

OUR COLLEAGUE FROM TURKEY ARE STILL CAPTIVE
LAWLESSNESS, INJUSTICE STILL CONTINUES

THE CONSTITUTIONAL COURT MUST APPLY THE LAW
THE RIGHT TO A FAIR TRIAL MUST BE PROVIDED!

Two lawyers in Turkey, two of our colleagues, Ebru Timtik and Aytaç Ünsal laid down their lives to tell the world a truth: that there is no law and no fair trial in Turkey. Ebru sacrificed her life, Aytaç sacrificed his health for this.

Ebru and Aytaç, together with 15 other colleagues, were jailed and sentenced to a total of 159 years in a trial which was not fair and had nothing to do with law. Our colleagues, bar associations and legal organizations from many parts of the world have witnessed this unlawfulness and injustice. This case, which complied with no law and was a political revenge trial, became one of the most important political cases in the history of Turkey. The political power clearly intervened at every stage of the case from beginning to end. It put pressure on the judges and prosecutors looking at the case, and ensured that decisions were made as it wanted.

At the first hearing of the case, all 17 lawyers were released, but the court, which gave the decision to release, revoked the release order of 12 lawyers after only 10 hours. And as a result of the pressure and threats of the political power, it decided to jail them again. However, the intervention of the political power in the case was so obvious and reckless that the arrest warrant was not enough to save the judges. The judges, who ordered the release, paid the price of this decision by being dismissed just two days after the decision. The court president and members of this committee were sent to other courts around the country and were punished. A specially selected delegation headed by Akın Gürlek was appointed to replace the dismissed judges.

The newly appointed Akın Gürlek was not an ordinary judge. He was a specially chosen person who ignored all legal principles and rules, and took on the role of an official acting in accordance with the orders and instructions of the political power rather than an independent and impartial judge. His unlawful decisions not only in this case but also in many similar cases have shown this.

This is why our two colleagues, the lawyers of the people Ebru Timtik and Aytaç Ünsal, did not bow to the lawlessness and injustice. They tried many ways to make their voices heard against the unlawful punishments imposed on them and their colleagues and to practice advocacy freely again. Lastly, they chose to resist, to go on hunger strike and death fast. Our two colleagues turned their hunger strike action, which they continued for days demanding a fair trial, into a death fast on April 5, 2020. They only wanted a fair trial. They demanded that the law be applied and a fair trial be held in line with the law. For this, they resisted by starving for hundreds of days.

The courts and the Court of Cassation, under the pressure of the political power, did not fulfill the justified demands of our colleagues. They continued the unlawfulness and injustice. As a result of this, our colleague Ebru Timtik became immortal on the 238th day of her death fast resistance on 27 August 2020 demanding a fair trial. Aytaç Ünsal was released on September 3, 2020, with the decision of the Supreme Court after the appeal review. The execution of his sentence was suspended until his health improved. In the same decision, the Court of Cassation decided to approve the unlawful penalties given to our colleagues without responding to any of the contradictory issues of the case and also without responding to any of the unlawfulness allegations put forward by our colleagues and lawyers.

With this decision, the Supreme Court, without any hesitation, ignored both the domestic law in Turkey (Constitution, Criminal Procedure Law, etc.) as well as the European Human Rights Convention. It decided to continue the injustice and lawlessness. It is clear that this decision was made under the pressure of the AKP government. Together with this decision of the Supreme Court, the trial process against 9 colleagues who are still in detention was completed and an individual application was made to the Constitutional Court with the request of determining the violations of the law experienced during the trial. The file is still before the Constitutional Court in order to examine the application requests.

The Constitutional Court, which is claimed to be the protector of the “democratic state of law” and the principles related to it, should make a decision that is far from the pressure of the political power and in accordance with the requirements of the law, unlike the previous local court and the court of appeal and the Supreme Court, it should restore the right to a fair trial and should pave the way for their release.

Our call is to all our colleagues, all bar associations and legal organizations who defend justice and the right to a fair trial, which our colleagues Ebru Timtik and Aytaç Ünsal defended with their lives. Let’s increase our solidarity with our captive colleagues and fight together for the freedom of our colleagues who have been illegally detained for more than three years.

Let us invite the Constitutional Court to implement the law and ensure the release of our colleagues from everywhere we are.

THE CONSTITUTIONAL COURT MUST APPLY THE LAW!
THE RIGHT TO A FAIR TRIAL MUST BE PROVIDED!
FREEDOM FOR CAPTIVE LAWYERS!

Peoples Law Office International Bureau

***IT
03 febbraio 2021

IL NOSTRO COLLEGA È ANCORA IN PRIGIONE IN TURCHIA
L’ILLEGALITÀ, L’INGIUSTIZIA CONTINUA

LA CORTE COSTITUZIONALE DEVE APPLICARE LA LEGGE
IL DIRITTO A UN PROCESSO EQUO DEVE ESSERE GARANTITO!

Due avvocati in Turchia, due nostri colleghi, Ebru Timtik e Aytaç Ünsal hanno dato la loro vita per dire al mondo una verità: che in Turchia non c’è legge e non c’è un processo equo. Ebru ha sacrificato la sua vita, Aytaç ha sacrificato la sua salute per questo.

Ebru e Aytaç, insieme ad altri 15 colleghi, sono stati arrestati e condannati ad un totale di 159 anni in un processo che non era giusto e non aveva nulla a che fare con la legge. I nostri colleghi, gli ordini degli avvocati e le organizzazioni legali di molte parti del mondo sono stati testimoni di questa illegalità e ingiustizia. Questo caso, che non rispettava nessuna legge ed era un processo di vendetta politica, è diventato uno dei casi politici più importanti nella storia della Turchia. Il potere politico è chiaramente intervenuto in ogni fase del caso dall’inizio alla fine. Ha fatto pressione sui giudici e sui procuratori che si occupavano del caso, e si è assicurato che le decisioni fossero prese come voleva il potere politico.

Alla prima udienza del caso, tutti i 17 avvocati sono stati rilasciati, ma la corte, che ha emanato la decisione di rilascio, ha revocato l’ordine di 12 avvocati dopo solo 10 ore. E come risultato della pressione e delle minacce del potere politico, ha deciso di arrestarli di nuovo. Tuttavia, l’intervento del potere politico nel caso era così evidente e sconsiderato che il mandato d’arresto non era sufficiente a salvare i giudici. I giudici, che hanno ordinato il rilascio, hanno pagato il prezzo di questa decisione venendo licenziati appena due giorni dopo la decisione. Il presidente del tribunale e i membri di questa commissione sono stati inviati in altri tribunali del paese e sono stati puniti. Una delegazione appositamente selezionata, guidata da Akın Gürlek, è stata nominata per sostituire i giudici licenziati.

Il neo nominato Akın Gürlek non era un giudice ordinario, era una persona appositamente scelta che ignorava tutti i principi e le regole legali e assumeva il ruolo di un funzionario che agiva secondo gli ordini e le istruzioni del potere politico piuttosto che di un giudice indipendente e imparziale. Le sue decisioni illegali non solo in questo caso ma anche in molti altri casi simili lo hanno dimostrato.

Per questo i nostri due colleghi, gli avvocati del popolo Ebru Timtik e Aytaç Ünsal, non si sono piegati all’illegalità e all’ingiustizia. Hanno provato in molti modi a far sentire la loro voce contro le punizioni illegali imposte a loro e ai loro colleghi e a praticare di nuovo liberamente l’avvocatura. Infine, hanno scelto di resistere, di fare lo sciopero della fame e il digiuno fino alla morte. I nostri due colleghi hanno trasformato la loro azione di sciopero della fame, che hanno continuato per giorni chiedendo un processo equo, in un digiuno fino alla morte il 5 aprile 2020. Volevano solo un processo equo. Chiedevano che la legge fosse applicata e che si tenesse un processo equo in linea con la legge. Per questo, hanno resistito morendo di fame per centinaia di giorni.

I tribunali e la Corte di Cassazione, sotto la pressione del potere politico, non hanno soddisfatto le richieste giustificate dei nostri colleghi. Hanno continuato l’illegalità e l’ingiustizia. Come risultato di ciò, la nostra collega Ebru Timtik è diventata immortale il 238° giorno della sua resistenza di sciopero della fame fino alla morte (Death Fast) il 27 agosto 2020 chiedendo un processo equo. Aytaç Ünsal è stato rilasciato il 3 settembre 2020, con la decisione della Corte Suprema dopo la revisione dell’appello. L’esecuzione della sua condanna è stata sospesa fino al miglioramento della sua salute. Nella stessa decisione, la Corte di Cassazione ha deciso di approvare le pene illegali inflitte ai nostri colleghi senza rispondere a nessuna delle questioni contraddittorie del caso e anche senza rispondere a nessuna delle accuse di illegalità avanzate dai nostri colleghi e avvocati.

Con questa decisione, la Corte Suprema, senza alcuna esitazione, ha ignorato sia il diritto interno della Turchia (Costituzione, diritto di procedura penale, ecc.) sia la Convenzione europea dei diritti dell’uomo. Ha deciso di continuare l’ingiustizia e l’illegalità. È chiaro che questa decisione è stata presa sotto la pressione del governo AKP. Insieme a questa decisione della Corte Suprema, il processo contro 9 colleghi che sono ancora in detenzione è stato completato e una domanda individuale è stata fatta alla Corte Costituzionale con la richiesta di determinare le violazioni della legge subite durante il processo. Il dossier è ancora davanti alla Corte Costituzionale per esaminare le richieste di applicazione.

La Corte Costituzionale, che si pretende essere la protettrice dello “stato di diritto democratico” e dei principi ad esso collegati, dovrebbe prendere una decisione lontana dalle pressioni del potere politico e conforme ai requisiti della legge, a differenza del precedente tribunale locale e della corte d’appello e della Corte Suprema, dovrebbe ripristinare il diritto ad un giusto processo e dovrebbe aprire la strada per il loro rilascio.

Il nostro appello è rivolto a tutti i nostri colleghi, a tutte le associazioni di avvocati e alle organizzazioni legali che difendono la giustizia e il diritto a un giusto processo, che i nostri colleghi Ebru Timtik e Aytaç Ünsal hanno difeso con la loro vita. Aumentiamo la nostra solidarietà con i nostri colleghi prigionieri e lottiamo insieme per la libertà dei nostri colleghi che sono detenuti illegalmente da più di tre anni.

Invitiamo la Corte Costituzionale ad applicare la legge e ad assicurare la liberazione dei nostri colleghi da qualsiasi parte del mondo.

LA CORTE COSTITUZIONALE DEVE APPLICARE LA LEGGE!
IL DIRITTO A UN PROCESSO EQUO DEVE ESSERE GARANTITO!
LIBERTÀ PER GLI AVVOCATI PRIGIONIERI!

Ufficio Internazionale dell’Ufficio Legale del Popolo



Check Also

Anti-Imperialist Front TV News programme for the week AEC TV Haberler Programı 2-9/10

Anti-Imperialist Front TV News programme for the week AEC TV Haberler Programı 2-9/10

%d blogcu bunu beğendi: